Il CIO alla Cina: ricordate di liberare la rete

Il CIO alla Cina: ricordate di liberare la reteLe Olimpiadi sono sempre più vicine, e la Cina è sotto i riflettori di tutto il mondo. E naturalmente si parla anche di Internet. Ecco perchè il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ha chiesto alla Cina di fare qualcosa per rendere Internet più libera.

Secondo il CIO Internet deve essere aperta a tutti durante il tempo dei Giochi. La Cina ha recentemente oscurato ben 25 siti di video e ne ha bloccati ulteriori 32 durante gli scontri relativi al Tibet. A questi si aggiunge ovviamente YouTube, e tanti altri importanti siti sui quali viene applicato un sistema avanzato di filtraggio.

Il Governo non sembra muoversi con velocità alle richieste del CIO, nonostante un recente decreto che permetterebbe maggiore libertà ai giornalisti stranieri in previsione dei Giochi. Ma queste leggi sono solo temporanee, e si prevede che le cose torneranno allo stato attuale non appena i Giochi saranno finiti.

Il CIO, tuttavia, sembra essere ottimista sul fatto che la Cina lavori per aprire Internet al mondo. Secondo il giornalista James Fallows, il Governo Cinese avrebbe in programma un reset del Grande Firewall, per aprire l'elenco degli indirizzi relativi agli alberghi, i centri conferenze e gli internet-cafè che fanno parte dei luoghi di interesse olimpico.

Un'azione di questo tipo, pur se temporanea e limitata a poche zone geografiche, permetterebbe un'apertura improvvisa a concetti come democrazia e pornografia.

Via | Arstechnica.com

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: