Chris Blizzard e il futuro di Firefox

In occasione del Southern California Linux Expo, Chris Blizzard di Mozilla Corporation ha approfittato per parlare del futuro di Firefox, browser sempre più sorprendentemente in grado di rompere quello che per anni è stato il monopolio di Internet Explorer.

Secondo Blizzard, uno degli obiettivi a lungo termine di Mozilla sarebbe quello di proteggere il web stesso, in quanto a suo dire minacciato da tecnologie proprietarie come Microsoft Silverlight ed Adobe AIR, in grado di minacciare seriamente gli standard aperti. L'intenzione della compagnia sarebbe quindi quella di impedire che privati possano chiudere il web stesso, rilasciando prodotti indipendenti ed accessibili da tutti gli utenti e gli sviluppatori.

Durante l'intervento, Mozilla ha inoltre divulgato i dati più recenti relativi alla presenza del browser sui PC degli internauti, con più di 1.000 sviluppatori all'interno della community, più di 500.000 tester, 50 milioni di utenti giornalieri e ben 125 milioni di persone che ormai abitualmente preferiscono Firefox al sempre più gettonato Internet Explorer.

Consapevole che gran parte delle attese erano legate a Firefox 3, Blizzard non si è lasciato pregare, esponendo le nuove caratteristiche e tutte le tecnologie che la nuova versione del browser porterà con sé: interfaccia migliorata, ottimizzazione delle performance ed integrazione col sistema operativo sono solo una minima parte di quanto ci attenderà, con la bellezza di ben 12.000 apportati all'interno del codice rispetto a Firefox 2.

L'intervento ha infine toccato un altro punto scottante del web browsing, vale a dire quello relativo alla navigazione tramite cellulare: secondo Blizzard attualmente questo aspetto sarebbe affidato a tecnologie non in grado di riprodurre a dovere l'esperienza del surfing, affermando che ciò è invece possibile e portando come esempio in merito il browser Safari, disponibile per iPhone.

Mozilla sarebbe però intenzionata ad andare decisamente oltre, integrando al browser mobile tutte le funzionalità offerte dai telefoni cellulari, come GPS, fotocamere e, appunto, telefonia, il tutto godendo degli stessi add-on che ne hanno reso celebre la versione casalinga, con cui quella per telefonini condividerà la piena compatibilità con gli standard.

Via | Arstechnica.com

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: