Wavii chiude i battenti dopo l'acquisizione da parte di Google

Wavii ha confermato l'acquisizione da parte di Google e rivelato che i servizi offerti finora cesseranno di esistere. Tutte le energie saranno concentrate nella creazione di una tecnologia ancora migliore a Mountain View.

L'acquisizione di Wavii da parte di Google è notizia di qualche giorno fa. Il colosso di Mountain View si è portato a casa la startup specializzata nel processamento del linguaggio naturale e sviluppatrice dell'omonima applicazione per iOS per una cifra pari a circa 30 milioni di dollari riuscendo a superare l'offerta di Apple, che vedeva in Wavii un'ottima integrazione per il suo assistente vocale, Siri.

Google l'ha spuntata e come accade sempre in questi casi ci si è interrogati sul futuro dell'applicazione già disponibile. Ora ogni dubbio è stato fugato proprio dall'ormai ex startup di Seattle, che con un post sul sito ufficiale ha confermato la notizia dell'acquisizione e rivelato la chiusura immediata del servizio.

Probabilmente ci conoscete per la nostra applicazione che che pesca flussi di notizie da ogni parte del web e li condensa in veloci e divertenti aggiornamenti. Non continueremo ad offrire questo particolare servizio, ma utilizzeremo la nostra ricerca nel linguaggio naturale presso Google in modi che potranno essere utili per milioni di persone in tutto il Mondo.

Parola del CEO Adrian Aoun, ora a tutti gli effetti un membro di Google insieme agli altri componenti del team. Nessun riferimento - non che ci si aspettasse diversamente, è ancora tutto i via di definizione - su come l'esperienze del team di Wavii e il lavoro già svolto verrà utilizzato da Google.

Nuovi prodotti in vista o miglioramento di quelli già disponibili? Ne sapremo di più nelle prossime settimane.

Via | Wavii

  • shares
  • +1
  • Mail