Inbox 2.0, dall'email al social network?

Yahoo! verso Inbox 2.0, email e social networkAlcune indiscrezioni raccolte da Saul Hansell per il New York Times portano a riflettere sulle strategie future di Yahoo! e Google sui social network.
Da una parte abbiamo Yahoo! che tramite le sue acquisizioni ha portato al suo interno diverse comunità che si sono create attorno a quei servizi, tra cui abbiamo Flickr, Upcoming, e recentemente MyBlogLog.
Google ha invece lanciato recentemente OpenSocial, che rappresenta una strategia per aprire il mondo dei dati che vengono raccolti nei social network per aumentarne la portabilità.

Diversi social network sfruttano la possibilità di accedere tramite API alle liste dei contatti dei vari servizi di posta per controllare se tra i propri contatti ci sono altri iscritti allo stesso network: da qui il ragionamento che porta a riconsiderare al centro della scena i tanto bistrattati servizi di posta, costretti a lottare contro spam e sovraccarico di comunicazione.

Brad Garlinghouse, vice presidente di Yahoo! e responsabile di comunicazione e comunità, ha rivelato che Yahoo! sta lavorando ad un progetto chiamato "Inbox 2.0".

I servizi email oggi sono basati su quello che le persone ci inviano, afferma Garlinghouse, non su quello che vogliamo vedere. Determinare la forza delle relazioni che abbiamo con qualcuno sulla base di quanto comunichiamo, sia tramite email che tramite chat e messenger per dare priorità alle comunicazioni che ci stanno a cuore.

Inoltre questo significherà introdurre quello che attualmente manca sia ai servizi di Yahoo! che a Google, i profili degli utenti: questi due colossi che offrono diversi servizi hanno già raccolto una quantità enorme di informazioni sui propri utenti senza che queste vengano poi realmente utilizzate. Inbox 2.0 permetterà di conoscere l'attività online dei nostri contatti (un po' come fa Facebook nei suoi minifeed) e osservare i profili dei nostri contatti.

Yahoo! in realtà ci ha provato diverse volte negli anni, forse senza troppa convinzione, con Yahoo! 360° e Yahoo! Mash (che Garlinghouse chiama un semplice esperimento).Creare un socialnetwork partendo dal servizio più attualmente utilizzato, quello della posta elettronica permetterà di far partire gli utenti da una base che già utilizzano, e aggregare i dati di altri servizi sarà una azione che partirà proprio dai contatti email.

In fondo è più semplice partire da una base consolidata che creare un social network da zero: i nostri contatti di posta sono già, che lo vogliamo o no, il nostro social network.

  • shares
  • Mail