Anna Maria Sibylla Merian, un Google Doodle per la pittrice e naturalista tedesca

Il Google Doodle di oggi è dedicato alla naturalista e pittrice tedesca Anna Maria Sibylla Merian, appassionata di insetti e autrice, tra gli altri, del fondamentale "Metamorfosi degli insetti del Suriname".

Sono il verde e la natura a farla da padroni nel Google Doodle di oggi. Piante e animali che si intersecano fino a creare la scritta Google che come al solito campeggia nell'homepage del motore di ricerca. L'omaggio è ad Anna Maria Sibylla Merian, naturalista e pittrice tedesca che grazie alla sua passione per le scienze naturali è stata una delle figure chiave nella scoperta delle meraviglie naturalistiche al di fuori dell'Europa.

Siamo a cavallo tra il 1600 e il 1700 e il percorso che porta la giovane Maria Sibylla Merian dall'arte alla natura comincia fin dalla sua infanzia, grazie agli insegnamenti del patrigno Jakob Marell, pittore di fiori di professione, che la introduce al disegno e alla pittura già dall'età di tre anni.

L'amore per gli insetti

Da quel momento la passione per gli insetti e la natura più in generale e quella per l'arte andranno a braccetto per il resto della sua vita. Sarà proprio l'esigenza di immortalare quelle piccole creature raccolte in giro per Francoforte a spingere un'adolescente Merian ad affinare le proprie capacità di artista del pennello.

Bruchi, bozzoli e farfalle, protagonisti assoluti del Google Doodle di oggi, sono al centro dell'opera dell'artista, vero e proprio punto di riferimento per i naturalisti dell'epoca e per quelli a venire. Illustrazioni raccolte in volumi come il Nuovo libro di fiori e La meravigliosa metamorfosi dei bruchi e il loro singolare nutrirsi di fiori e accompagnate da osservazioni sul ciclo vitale e gli stadi di sviluppo delle centinaia di specie studiate da Maria Sibylla Merian, che introdurrà all'argomento anche una delle sue figlie.

Il viaggio in Suriname

La vera svolta arriva nel 1699, quando contrariamente ai consigli di amici, parenti e conoscenti, Sibylla e sua figlia Dorothea Henrica partono alla volta del Suriname proprio per studiare gli insetti del posto. Due lunghi anni di viaggio, due anni di studi approfonditi ed illustrazioni che sfoceranno nello splendido volume Metamorfosi degli insetti del Suriname, l'opera più famosa e celebrata di Anna Maria Sibylla Merian, pubblicata nel 1705 e restata per decenni un punto di riferimento per i naturalisti e gli appassionati dell'epoca.

Per farvi un'idea del lavoro dell'artista, oltre gli esempi a cui Google ha deciso di rendere omaggio in occasione del 366esimo anniversario della sua nascita, vi consigliamo le illustrazioni pubblicate sul sito della Royal Collection, mentre se volete consultare integralmente "Metamorfosi degli insetti del Suriname" potete farlo gratuitamente grazie al Göttinger Digitalisierungszentrum.

Foto © Getty Images

  • shares
  • +1
  • Mail