iOS e Android superano Sony e Nintendo nel mercato del gaming


Una volta nel settore del gaming a farla da padrona c'erano solamente consolle, al giorno d'oggi questi dispositivi sono costretti a dividere il mercato con i titoli per smartphone e tablet. Ebbene si, le epoche rosee di consolle portatili come Sony PSP e PS Vita, Nintendo DS e 3DS, sembrano essere giunte al termine come risulta dalle recenti statistiche pubblicate dall'istituto di ricerca IDC. I numeri emersi dalla suddetta analisi sono abbastanza chiari in questo senso, nel corso dell'ultimo trimestre operativo del 2012, la spesa dei clienti per l'acquisto di giochi dedicati alle piattaforme Android ed iOS ha superato quella rivolta invece al settore dell'industria videoludica.

Facendo la somma degli acquisti generati dai due mercati mobili di riferimento, quindi App Store e Google Play Store, nel solo mese di dicembre si raggiunge circa il 60% della spesa complessiva, con il mercato Apple in vantaggio rispetto al Play Store. Si tratta questo di un processo che ha avuto origine diversi mesi fa e che negli ultimi tempi sta avendo una percorso molto più evidente, grazie soprattutto all'enorme diffusione degli smartphone ed all'innovazione dell'hardware integrato in essi, i quali permettono di gestire con fluidità anche i titoli più pesanti. Bisogna sottolineare il fatto che negli introiti rilevati dalle aziende che producono titoli videoludici per piattaforme mobili, non sono stati incluse le entrate derivanti dalla pubblicità, strategia utilizzata dai produttori che rilasciano gratuitamente i giochi, e che fanno dell'advertising la propria fonte di guadagno.

Prendendo in considerazioni nel dettaglio numeri derivanti da questo studio, emerge come il 60% degli acquisti per i propri smartphone provenga dai paesi asiatici. Per quanto riguarda iOS il 40% della spesa proviene dagli Stati Uniti, il 35% dal continente asiatico, mentre la fetta rimanente dal mercato europeo.

  • shares
  • +1
  • Mail