Thoof, uno strano social network

Thoof

Da oggi è possibile per chiunque accedere a Thoof, l'ennesimo sito di social bookmarking che il web ci offra.

Thoof sembra non offrire nessuna strabiliante novità rispetto ad i suoi predecessori ben più collaudati come Digg e Newsvine, in quanto è basato anch'esso sulla segnalazione di articoli da parte degli utenti.

Rispetto agli altri servizi simili, Thoof non prevede però un sistema di votazione, ma soltanto la possibilità di suggerire il miglioramento di un articolo pubblicato; ogni utente può infatti modificare il titolo, il link, i tags e la descrizione degli articoli, proponendo poi la modifica agli altri utenti che la possono votare o meno. L'interazione tra gli utenti avviene quindi tramite il miglioramento degli articoli pubblicati.

Non è prevista nessun altro tipo di relazione tra gli utenti, dei quali vediamo soltanto l'username accanto all'articolo pubblicato, ma con i quali non possiamo interagire in nessun modo; ci sembra uno strano modo di intendere un social network.

La caratteristica più interessante di Thoof è, a nostro parere, quella di offrire una selezione di contenuti basata sui gusti del singolo utente; se infatti siete registrati, Thoof terrà traccia di tutti gli articoli che avete letto e quando vi collegate alla homepage vi offrirà un selezione di articoli basata sulle vostre scelte precedenti.

Via | Mashable

  • shares
  • Mail