Windows Steadystate, l'uso condiviso dei pc non è più un problema

Windows Steadystate, condividere senza paura l'uso dei pcMettere a disposizione del pubblico diverse postazioni all'interno di spazi pubblici come internet cafè o biblioteche può diventare una situazione di non facile gestione, soprattutto se in questi luoghi non sono presenti tecnici in grado di rimettere velocemente mano ad alcuni semplici problemi.

Installazione di software non consentito, virus, modifiche dell'aspetto dell'interfaccia possono essere evitati con l'uso di Windows Steadystate, il software gratuito conosciuto precedentemente come "Shared Computer Toolkit".

L'uso è semplice e permette di scegliere tra tre configurazioni di protezione (alta, media e bassa) per ogni singolo utente: le configurazioni sono poi esportabili, per essere caricate su un'altra macchina.

La protezione disco permette di controllare quello che viene installato sulla macchina: ogni modifica non approvata può essere così rimossa al successivo riavvio, oppure è permesso di rimuovere tutte le modifiche ad una data ed ora specifica, o non effettuare alcuna modifica.
La sezione di gestione utenti permette di limitare o meno la possibilità per gli utenti di mantenere le modifiche effettuate.

Attualmente Windows Steadystate è disponibile solo per Windows XP e necessita che la postazione sia stata certificata come genuina dal sistema di protezione Microsoft.

Steadystate è fornito di una buona documentazione sia in formato testo che visuale, e per ogni evenienza esiste anche una community degli utenti che lo utilizzano.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: