Hacker cinesi, colpito anche Twitter. 250,000 account compromessi

twitter social network

C'è anche Twitter tra le illustri vittime degli hacker cinesi che nei giorni scorsi hanno attaccato organi di stampa come il New York Times, il Washington Post e il Wall Street Journal. A darne notizia è stato lo stesso social network, che nel confermare l'attacco ha ammesso come soltanto un esiguo numero di account - 250 mila - siano stati compromessi.

L'attacco, secondo quanto scrive Bob Lord, responsabile della sicurezza di Twitter, sarebbe stato bloccato quasi sul nascere, ma gli hacker sarebbero comunque stati in grado di accedere alle informazioni limitate - nome utente, indirizzo email e password criptate - di alcuni utenti, prontamente avvisati via mail da Twitter.

La comunicazione ufficiale inviata ai proprietari degli account compromessi parla chiaro:

Twitter pensa che il tuo account sia stato compromesso da un sito internet o un servizio non associato a Twitter. Abbiamo reimpostato la tua password per evitare altri tentativi di accesso al tuo account da parte di questi servizi. Dovrai creare una nuova password per il tuo account Twitter. Puoi farlo cliccando su questo link.

Nel sottolineare che le modalità dell'attacco e i suoi autori sono ancora avvolti nel mistero - Bob Lord non accusa gli hacker cinesi, si limita a citare gli altri attacchi degli ultimi giorni e a parlare di "attacchi estremamente sofisticati" - Twitter coglie l'occasione per ricordare a tutti i suoi utenti di modificare e fortificare le proprie password e snocciola i soliti pratici consigli da seguire - almeno dieci caratteri, mix di lettere, simboli e numeri, uso di maiuscolo/minuscolo.

Via | Twitter

  • shares
  • +1
  • Mail