Zooomr Mark III è finalmente online

Zooom Mark III finalmente online
Alla fine l'intervento di Robert Scoble è stato determinante per riportare online Zooomr, il servizio per condividere fotografie realizzato dal giovane Kristopher Tate: è stato grazie ad un post dell'ex evangelista di Microsoft che sono arrivati gli aiuti di Zoho, Sun, Dell e un'altra azienda che è voluta rimanere anonima.

E' così finalmente possibile accedere alle proprie foto e alla nuova versione di Zooomr, quella Mark III che già in marzo Tate aveva cercato di mettere online, tornando poi sui suoi passi.

La prima cosa che ci si trova di fronte è una domanda che ricalca quella che ci pone Twitter, "che cosa stai facendo adesso?": in pratica nella vostra pagina personale di Zooomr troverete le ziplines, gli ultimi messaggi che hanno lasciato i vostri contatti.
La comunità è quindi sempre al centro.

Zooomr Ziplines

Per il resto molte delle nuove funzionalità sono attualmente non presenti, soprattutto per verificare prima che tutta la transizione sia stata completata. Sul blog c'è una prima lista di FAQ che indica appunto che queste funzionalità verranno attivate quanto prima.
Per maggiori delucidazioni è stato aperto un wiki (su Zoho Wiki naturalmente!) per dare supporto durante questo lancio.

Molti penseranno che tutto questo non è professionale e mettere le proprie foto sul servizio creato da un ragazzino non è forse la cosa più sensata da fare: io personalmente credo molto in questa piccola scommessa di Kristopher Tate, che fin dal primo momento ha condiviso con la sua comunità di utenti le difficoltà, anche con interminabili dirette su Ustream nelle ore in cui si dedicava alla ricerca di una soluzione.

Leggetevi questo post che racchiude la cronaca e i retroscena di una bella storia che sottolinea come le idee, capaci di creare una comunità forte, valgono più dei milioni delle venture capital.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO