Facebook presenta la Graph Search, la ricerca all'interno della propria rete sociale

Scritto da: -

Graph Search Facebook

Il mistero è stato svelato. Facebook ha ufficialmente presentato il proprio motore di ricerca interno, denominato Graph Search, uno strumento che permetterà agli utenti di destreggiarsi al meglio all’interno della propria rete di contatti su Facebook, cercare informazioni di ogni sorta - trovare ristoranti, luoghi da visitare, città da scoprire - e, perchè no, trovare nuovi amici ed espandere così la propria cerchia sociale.

Gli altri motori di ricerca non hanno nulla da temere. La Graph Search è uno strumento rivolto esclusivamente agli utenti di Facebook e sarà incentrato sugli utenti, sulle foto, sui luoghi e sugli interessi. Tutto quello che avete condiviso coi vostri amici potrà essere incluso nelle ricerche dei vostri amici, nessun altro al di fuori di loro - compatibilmente alle vostre impostazioni della privacy - potrà visionarlo.

Nulla - Zuckerberg l’ha ribadito più e più volte - cambierà rispetto alle impostazioni attuali. Quello che cambierà e che i vostri contatti saranno in grado di trovare informazioni sul vostro conto in modo decisamente più rapido rispetto al passato, siano esse foto di una vacanza, like che avete dato ad un cantante o ad un gruppo politico e via dicendo.

Graph Search FacebookGraph Search FacebookGraph Search FacebookGraph Search Facebook

Il tutto resterà all’interno di Facebook. I risultati delle ricerche effettuate saranno ordinati in base al numero dei like ricevuti e, nel caso dei luoghi, in base ai check-in effettuati. Non dovrete far altro che chiedere qualcosa a Facebook - “amici che seguono Game Of Thrones“, “amici che hanno visitato la California“, “ristoranti a Roma“, “film visti dai miei amici” e così via - e in pochi istanti potrete soddisfare la vostra curiosità.

Dove non riuscirà ad arrivare Facebook, ci penserà Bing. Se, ad esempio, vorrete conoscere il meteo della vostra città, potrete comunque domandarlo a Facebook, ma la risposta sarà gentilmente fornita dal motore di ricerca di Microsoft, che è in partnership con social network di Zuckerberg ormai da diversi mesi.


Il rollout di Graph Search, disponibile da oggi in versione beta, sarà piuttosto lento ed avverrà nell’ordine delle centinaia di migliaia di utenti al giorno, quindi saranno necessari diversi mesi prima che tutti gli utenti potranno provarlo con mano. Fin da subito, però, potete iscrivervi alla lista d’attesa e ricevere una comunicazione non appena sarete abilitati ad utilizzarlo.

Per il prossimo futuro non sono in cantiere né l’abbinamento di una ricerca vocale né la creazione di una Application programming interface (API) che permetta a sviluppatori di terze parti di interagire con la nuova funzione.

Graph Search sarà disponibile soltanto dalla versione web di Facebook e sebbene siano in programma anche versioni per i dispositivi mobili, Zuckerberg non è stato in grado di indicare una tempistica più o meno indicativa.

Per maggiori informazioni vi invitiamo a visionare il post ufficiale di Facebook e a leggere il live, qui sotto, della conferenza.

Il liveblogging della conferenza

19.04 - Mark Zuckerberg, CEO di Facebook, ha preso la parola: “la maggior parte degli utenti pensa ancora a Facebook come un modo per rimanere in contatto con le persone che già si conoscono. Oggi parleremo di un servizio che permetterà di fare nuove conoscenze e creare nuove connessioni. I pilasti dell’ecosistema Facebook sono tre: NewsFeed, TimeLine e il terzo di cui parleremo oggi“.

19.10 - Non si tratta di una ricerca web. Su Facebook molte delle cose che condividiamo non sono pubbliche e questo rende la ricerca molto difficile.

  • Ogni contenuto ha il suo pubblico
  • La maggior parte dei contenuti non è pubblico
  • Puoi cercare solo contenuti che sono stati condivisi con te

19.14 - Graph Search, spiega Zuckerberg, vuol fare quello che non fanno gli altri motori di ricerca: dare una risposta diretta ad una domanda, non fornire link che a loro volta forniscono la risposta.

19.16 - la Graph Search sarà incentrata sugli utenti, sulle foto, sui luoghi e sugli interessi. Volete conoscere i principali ristoranti di Chicago? Facebook vi fornirà la lista. Volete sapere chi dei vostri amici vive a Roma? Ve lo dice Facebook. Chi segue Game Of Thrones? Ecco pronto l’elenco dei vostri amici fan della serie tv. Stesso discorso con le foto: vi basterà digitare “foto di tizio e caio” per ritrovarvi una selezione delle migliori immagini dei due amici cercati.

19.20 - la ricerca verterà esclusivamente sulla vostra rete di contatti. Potrete cercare cose come “Amici a cui piace Harry Potter” per visionare al volo tutti i fan della celebre saga letteraria e cinematografica.

19.22 - i risultati, è sempre bene specificarlo, saranno del tutto personalizzati e rigorosamente privati. Gli utenti potranno cercare soltanto tra ciò che avete condiviso con loro.

19.24 - sarà disponibile anche una ricerca avanzata, che permetterà di impostare dei filtri ed ottenere risultati più adatti alle proprie esigenze. Si potrà, ad esempio, selezionare il sesso o lo stato sentimentale degli utenti che dovranno comparire tra i risultati, così come la città di provenienza, il nome o gli studi effettuati.

19.25 - un altro esempio di ricerca, decisamente più adatto a chi è in vena di fare nuove conoscenze: “amici dei miei amici che sono uomini single a San Francisco e vengono dall’India“.

19.29 - potete già trovare tutte le informazioni all’indirizzo Newsroom.fb.com

19.35 - la conferenza prosegue con un susseguirsi di esempi, dalla ricerca delle immagini a quelle degli interessi. Vi basterà cercare “Serie TV che seguono i miei amici” per farvi un’idea della cultura televisiva all’interno della vostra rete di contatti.

19.52 - La conferenza è terminata. Ora si passa a qualche minuto di domande e riposte. La prima, ovviamente, riguarda la privacy. Zuckerberg rassicura ancora una volta gli utenti: “tutto resterà come prima, gli utenti non saranno in grado di vedere cose che non erano già in grado di vedere prima della Graph Search“.

19.59 - Il rollout, come già anticipato, Per il momento non ci saranno API che permetteranno l’utilizzo di Graph Search a sviluppatori di terzi parti, mentre per quanto riguarda la monetizzazione di questa nuova funzione, Zuckerberg ha rivelato, come era facile immaginare, che alcuni dei risultati delle ricerche saranno sponsorizzati, ma in definitiva l’esperienza finale sarà incentrata solo ed esclusivamente sull’utente.

Oggi l’evento Facebook: cosa dobbiamo aspettarci?

Facebook

Ci siamo. Tra poche ore Facebook alzerà il sipario e presenterà l’attesa novità annunciata nei giorni scorsi, mettendo così fine alle voci che si sono rincorse nelle ultime ore. In pieno stile Apple, l’evento in programma oggi nel quartier generale del social network a Menlo Park, in California, è avvolto nel mistero e a poche ore dalla presentazione ufficiale nulla è riuscito a trapelare.

Cosa dobbiamo aspettarci? Se sembra ormai tramontata l’ipotesi di vedere uno smartphone di Facebook - lo stesso Mark Zuckerberg aveva definito un facebookfonino una pessima strategia - prende sempre più corpo l’indiscrezione secondo la quale al centro dell’evento di oggi potrebbe esserci il già vociferato motore di ricerca, anticipato dal CEO dell’azienda pochi mesi fa durante la conferenza TechCrunch Disrupt.

In quell’occasione Zuckerberg aveva dichiarato:

Le persone voglio ricevere una risposta specifica ad una domanda, non migliaia di diverse possibilità. Ho una domanda, rispondi a quella domanda al posto mio […] Facebook ha una posizione unica nel rispondere alle domande che gli utenti si pongono. Ad un certo punto dovremo farlo, c’è già un team che ci sta lavorando.

TechCrunch suggerisce, citando i soliti ben informati, che tra le novità in programma per oggi ci sarebbe anche l’atteso Messenger per iPad, rivisto e corretto rispetto alla sua versione per smartphone, con tutte le novità già anticipate nei giorni scorsi. Non è escluso, sempre sul fronte iPad, che Facebook decida di estendere al tablet made in Apple anche applicazioni come Instagram e Poke.

Brian Pitz, analista di Jefferies & Co., ha azzardato un’altra ipotesi: e se Facebook avesse intenzione di presentare un una nuova piattaforma pubblicitaria? E’ un’idea, ma questo, a mio avviso, non giustificherebbe un evento di tale portata e un mistero così fitto. Sembra più probabile che “la cosa che stanno costruendo - perché di questo parla l’invito ufficiale - sia più orientato agli utenti finali di Facebook che agli inserzionisti.

Non ci resta che attendere ancora poche ore per scoprirlo. L’appuntamento è alle 19.00 ora italiana. A più tardi con tutti gli aggiornamenti in tempo reale.

 
  • nickname Commento numero 1 su Facebook presenta la Graph Search, la ricerca all'interno della propria rete sociale

    Posted by: energio

    "alzerà" il sipario. "Cala" alla chiusura… Scritto il Date —