Microsoft non teme Google, "poca serietà con le app per business"

Logo di Microsoft Office 365L'acquisizione di QuickOffice da parte di Google inizia a mostrare i primi frutti, con l'azienda di Mountain View sempre più convinta di riuscire a sfondare nel settore delle applicazioni e dei servizi per il mondo professionale tanto da aver dichiarato come nuovo obiettivo quello di portare a Google "almeno il 90% degli utenti di Microsoft", quelli che da anni si affidano al pacchetto Office.

Le dichiarazioni di BigG, rilasciate da vicepresidente e capo della sezione Enteprise Amit Singh non sono passate inosservate in quel di Microsoft, che ha prontamente risposto a tono accusando Google di essere poco seria quando si parla di applicazioni per il business. L'affondo è arrivato da parte di Julia White, general manager della divisione business di Microsoft, attraverso il New York Times.

Google non ha ancora dimostrato di essere seria. Dall'esterno sono soltanto una azienda di advertising.

Forte dei suoi molti anni di esperienza - la prima versione della suite Office ha da poco spento 23 candeline - e di milioni di utenti in tutto il Mondo, Microsoft non teme rivali e l'ormai prossimo rilascio di Office 2013 non fa che confermare anche l'intenzione di guardare al futuro e di puntare sul mondo del cloud, sempre più in voga da qualche anno a questa parte.

Google, da parte sua, è entrata da poco in questo mondo ma ha già fatto passi da gigante, anche se l'obiettivo di sottrarre il 90% degli utenti Microsoft sembra ancora lontano. Voi che ne pensate? Vi sembra un obiettivo realistico, almeno a giudicare dalla situazione attuale?

Via | CNET

  • shares
  • +1
  • Mail