Condanna record, Yahoo! dovrà pagare 2,7 miliardi di dollari ad un'azienda messicana

Yahoo! è stata condannata da un tribunale messicano a sborsare una cifra di dimensioni apocalittiche ad un ex-partner commerciale. Il motore di ricerca è stato accusato di aver infranto degli accordi contrattuali vigenti con Worldwide Directories, una specie di servizio di pagine gialle online messicano.

Yahoo! dal canto suo non si arrende, cosa piuttosto comprensibile dato il quantitativo di danaro in ballo. Ci sono ancora delle speranze per il search engine, dato che la sentenza non è ancora definitiva e rimane l’appello.

Numerosi esperti e investitori sono rimasti estremamente perplessi dalla decisione del tribunale di Città del Messico, sia per la cifra astronomica sia per le circostanze e condizioni in cui è stata emessa. JP Morgan ha notato che 2,7 miliardi di dollari sono un volume di danaro poco credibile dato il giro d’affari molto modesto di Yahoo! Mexico, ma che la storia potrebbe avere ripercussioni negative sulle quotazioni in borsa del search engine (dei commenti in puro stile Capitan Ovvio).

Yahoo! ha detto di avere parecchi argomenti per controbattere alle accuse, e denuncia errori di interpretazione e di procedura avvenuti nel corso del processo.

Alle spalle di Worldwide Directories c’è un uomo chiamato Carlos Bazan-Canabal, che sostiene di essere stato un dirigente di Yahoo! Mexico in passato (manca qualsiasi conferma in merito) e di aver avuto rapporti con il motore di ricerca tra il 2002 ed il 2009.

Di sicuro il vecchio gigante delle ricerche non naviga in buone acque, ed una sentenza tanto surreale non potrà far altro che peggiorare la sua situazione corrente.

Via | Yahoo! News

  • shares
  • +1
  • Mail