Chrome Remote Desktop, il semplice VNC di Google, pronto all’utilizzo

Logo di Chrome Remote DesktopChrome Remote Desktop è una soluzione di Virtual Network Computing (VNC) realizzata da Google sull’omonimo browser. Lo sviluppo è durato venti mesi e, finalmente, il prodotto è considerato stabile: può essere scaricato dal Web Store su tutti i sistemi operativi supportati da Chrome. A dispetto della definizione altisonante, il VNC è un meccanismo piuttosto semplice per permettere di controllare i computer a distanza. Installato su entrambe le macchine, Chrome Remote Desktop consente l’accesso remoto a quello scelto come server.

In pratica, l’utente deve installare l’estensione sul browser del computer da controllare e su quello dal quale ottenere il controllo: un codice univoco di dodici cifre, generato da Chrome Remote Desktop, autentica l’accesso al sistema remoto. Una volta effettuata la connessione – che si basa sul Remote Desktop Protocol (RDP) di Microsoft – Chrome visualizza in una scheda dedicata il desktop sul quale s’intende lavorare. Non è necessario che i due computer abbiano lo stesso sistema operativo, ma è testato su Chrome OS e Windows.

L’estensione può rivelarsi utile per scopi molto diversi. Il protocollo RDP di Microsoft, ad esempio, è stato sviluppato per gestire le sessioni d’assistenza remota su Windows: rilasciato con una licenza proprietaria, è adottato anche da sistemi operativi UNIX-like come Mac OS X e Linux. Chrome Remote Desktop, in aggiunta, permette di riprodurre lo streaming delle tracce musicali salvate sul computer del quale si ottiene il controllo… trasformandosi in un music locker simile a Google Music, che sarà disponibile dal 13 novembre.

Via | Digital Trends

  • shares
  • +1
  • Mail