Netflix cerca specialisti che parlino italiano. Si avvicina lo sbarco nel nostro Paese?

Netflix, uno dei servizi leader per lo streaming di film e serie TV nato negli Stati Uniti ed esteso nel corso degli anni a Canada, America Latina e Regno Unito, la settimana scorsa è sbarcato anche in Svezia, Danimarca, Norvegia e Finlandia, ma la conquista dell'Europa, e non solo, è ancora in corso. Un annuncio di lavoro pubblicato sul sito ufficiale dell'azienda fa ben sperare circa un approdo di Netflix anche in Italia, oltre a Germania, Turchia e Giappone.

Netflix è alla ricerca di linguisti esperti che siano in grado di tradurre e personalizzare contenuti e materiali pubblicitari, con un mix di abilità tecniche, organizzative e comunicative, per localizzazioni del servizio nelle seguenti lingue: turco, tedesco, hindi, italiano, norvegese, coreano e giapponese. L'azienda non ha ancora diffuso alcuna comunicazione ufficiale circa l'espansione in questi mercati, ma le mansioni elencate nell'annuncio - realizzare ed approvare traduzioni, lavorare con distributori stranieri, organizzare e svolgere incarichi linguistici su dispositivi e piattaforme multiple - sembrano una conferma in questo senso.

Il servizio, grazie alle numerose partnership con le case di produzione cinematografica ed i grandi broadcaster televisivi, propone l'acquisto e la visione di film e serie tv oltre ad una pratica opzione in abbonamento. Pagando un fisso mensile - $7,99 per Stati Uniti e Canada, tra i 12 e i 14 euro in Svezia, Finlandia e Norvegia - gli utenti possono accedere quando vogliono ad una vastissima selezione di contenuti, compresi gli ultimi episodi delle serie tv più seguite.

Grazie anche al supporto di tutta una serie di piattaforme come Apple TV, Xbox 360, Nintendo Wii, PlayStation 3, Google TV, iPhone e dispositivi Android, ma anche lettori BluRay Samsung, LG e via dicendo, i contenuti offerti da Netflix sono accessibili praticamente ovunque, comodamente seduti sul divano o in mobilità.

L'arrivo di Netflix, è impossibile negarlo, sarebbe una piccola rivoluzione per l'Italia, dove i broadcaster televisivi non hanno mai visto di buon occhio la concorrenza digitale e sono ancora legati ai propri siti ufficiali - non sempre all'altezza delle aspettative - per la fruizione di contenuti in streaming, siano essi varietà televisivi o fiction originali. Del resto nemmeno Apple è ancora riuscita ad attivare in Italia la sezione dell'iTunes Store dedicata a programmi e serie tv.

Al momento non possiamo sapere se le trattative per far arrivare Netflix anche in Italia siano cominciate o se siano ancora in corso, ma continueremo a monitorare la situazione e ad informarvi non appena ci saranno novità al riguardo.

Via | TNW

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: