News feed di Facebook: cosa è cambiato e perché nella condivisione delle notizie

Facebook old feedIl feed delle notizie nella homepage di Facebook è ormai da tempo uno degli argomenti del social network sui quali si dibatte maggiormente: tutto a causa degli immancabili problemi sulla privacy degli iscritti, presunti o reali che siano, e degli aggiornamenti nell'algoritmo di gestione dei contenuti postati dai propri amici. Proprio su questo punto abbiamo deciso di fare un po' di chiarezza, visto l'arrivo degli sponsored status negli Stati Uniti, destinati in caso di successo a fare la loro comparsa anche dalle nostre parti.

La cosa che fa al momento impazzire di più gli iscritti a Facebook è probabilmente l'algoritmo di ordinamento degli aggiornamenti visualizzati, come saprete disponibile in due diverse forme: quello legato alle "notizie importanti", decise dal social network, e invece quello in semplice ordine cronologico. Perché impazzire? Vi sarà sicuramente capitato di avere impostando l'ordinamento cronologico, per poi disconnettervi e ritrovarvi nuovamente con quello per importanza al login successivo. Il tutto, ovviamente, senza che si sia fatto alcun cambio nel menu a tendina contenente le due opzioni.

Come giustifica Facebook tutto questo? Andando a leggere un vecchio post sull'argomento, ma ancora valido, ecco quello che ci viene detto:

"Se non hai visitato Facebook per un po', la prima cosa che vedi sono foto e status più importanti inseriti mentre non c'eri. [...] Se visiti Facebook più di frequente, vedrai per primi gli aggiornamenti più recenti."

Continua dopo il break.

Almeno all'apparenza, sarebbe quindi solo una questione di tempo trascorso dall'ultima visita a Facebook quindi, anche se a questo punto si potrebbe obiettare quantomeno una cattiva scelta dell'intervallo di tempo dopo il quale il social network decide di passare automaticamente dall'ordinamento cronologico a quello in base all'importanza. Un intervallo che tra l'altro non è mai stato reso noto, alimentando il malcontento tra gli iscritti. Di certo, parlando per esperienza, possiamo dire che anche a distanza di tempi relativamente brevi (anche una mezz'ora) può capitare di assistere allo switch automatico.

Quando Facebook cambiò il news feed centrale inserendo solo le notizie importanti ci fu una vera e propria rivoluzione, che spinse Mark Zuckerberg e i suoi a correre ai ripari inserendo la scelta di cui abbiamo appena parlato: nel caso in cui si scelga l'ordinamento cronologico, si visualizzeranno in realtà gli stessi aggiornamenti inseriti nel ticker, vale a dire la barra verticale destra contenente anche la chat.

C'è poi la questione collegata a quanto dicevamo in apertura di post, cioè quella relativa alla visibilità delle notizie e al modo in cui questa viene gestita: per ammissione di Facebook, i nostri aggiornamenti di stato raggiungono solo il 12% dei nostri amici. Il numero è in realtà variabile, e non dipende solo da noi e dalla qualità del contenuto che abbiamo postato: se per esempio una persona ha pochi amici e si collega spesso, sarà più probabile che veda la maggior parte dei nostri aggiornamenti andando quindi in linea teorica a innalzare la media delle visualizzazioni.

Inoltre, il fatto che ci sia un certo livello di filtro nel "rumore di fondo" del social network non può che aiutare nel visualizzare gli aggiornamenti che sono effettivamente di una certa rilevanza, senza dimenticare che all'occorrenza si può scegliere di bloccare la ricezione delle notizie da parte di amici che generino un po' troppo del suddetto rumore, non andando però a eliminare completamente l'amicizia.

Per tutto quanto detto finora, entra quindi in gioco anche l'importanza dei post, altro argomento caldo sul quale si è parlato a lungo. Come fa Facebook a stabilire cosa è importante e cosa no? L'indicazione arriva dal suo Help Center:

"Le notizie In primo piano vengono ordinate in base all'importanza. Tale importanza si basa su una serie di fattori, tra cui il tempo trascorso dalla tua ultima visita a Facebook, il tuo rapporto con la persona che ha pubblicato la notizia, quanti commenti e Mi piace ci sono stati, ecc."

È probabilmente l'ecc. alla fine quello che fa preoccupare i più, soprattutto alla luce dell'arrivo dei post sponsorizzati, coi quali nelle intenzioni di Facebook viene offerto uno strumento grazie al quale assicurarsi che annunci importanti come promesse di matrimonio, nascite di bambini o anche la richiesta di affitto di una casa, possano raggiungere con certezza un numero di contatti maggiori rispetto al normale.

Tra scelte più o meno sensate, è evidente che almeno fino a qualche tempo fa per Facebook quello del news feed è stato un territorio tutto da esplorare, allo stesso tempo andando coi piedi di piombo a causa della poca propensione per natura delle persone al cambiamento. Qual è stata la vostra esperienza con gli aggiornamenti di stato del social network? Credete che lo stato attuale delle cose sia l'ideale, incluso il cambio automatico tra ordinamento cronologico e per importanza, o invece che ci sia ancora da lavorare per migliorare il tutto?

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail