La MPAA torna alla carica: "Hotfile è il sito pirata più spudorato di tutti"

Hotfile_Affiliate

La Motion Picture Association of America (MPAA), l'organizzazione formata dai sette principali studi cinematografici statunitensi, continua imperterrita la lotta contro i principali cyberlocker, convinta che siano proprio questi ultimi il problema principale della pirateria digitale. L'ultima mossa passa nuovamente per il tribunale ed ha come oggetto la chiusura di Hotfile, già preso di mira nel febbraio scorso quando aveva presentato un'istanza di giudizio sommario presso la corte distrettuale della Florida.

Ora la MPAA è tornata alla carica presentando una nuova istanza e chiedendo che il sito venga giudicato colpevole di aver incitato al download di materiale protetto da copyright e per questo chiuso il prima possibile. Le argomentazioni della MPAA sono sempre le stesse: "Il modello di business di Hotfile è identico a quello di Megaupload. Hotfile è responsabile di miliardi di download che hanno violato opere protette da copyright, incluse preziosi film e prodotti televisivi di proprietà dei querelanti. [...] Quando gli utenti paganti caricano dei file che diventato subito popolari, si può esser sicuri che si tratta di file illegali.

Stavolta, però, le accuse della MPAA si basano su fatti concreti: l'organizzazione ha dichiarato di essere in possesso di documenti, per lo più scambi di email tra alcuni dipendenti di Hotfile, da cui emerge chiaramente come questi hanno assistito in più occasioni gli utenti impegnati nell'upload di materiale protetto da copyright.

Hofile aveva già fornito delle statistiche relative ai file più scaricati dagli utenti - che sono risultati essere programmi Open Source - e anche in questo caso non fa che respingere le accuse mosse dalla MPAA e chiedere alla Corte di respingere la mozione per il giudizio sommario e lasciare che il caso finisca in Tribunale, dove si potrà argomentare una difesa e avere qualche possibilità in più di vittoria.

La MPAA, invece, sostiene che il giudizio sommario sia ben giustificato e che Hotfile debba essere chiuso il prima possibile, come già accaduto con Megaupload. La decisione finale, come al solito, spetta al giudice affidato al caso.

Via | TorrentFreak

  • shares
  • +1
  • Mail