Web Lab, un esperimento di Google sul funzionamento del web da Londra

Google ha annunciato Web Lab — un esperimento realizzato in collaborazione con lo Science Museum di Londra, che consiste in 5 installazioni “fisiche” manipolabili in remoto grazie a internet. Il progetto rientra nella sponsorizzazione delle funzionalità di Chrome e, infatti, nonostante l’utilizzo di HTML5 è inibito agli utenti d’altri browser. Accessibile in lingua italiana, Web Lab si propone di abbattere ogni barriera fra il museo e l’utente di internet. L’esperienza dei visitatori di Londra e quella da remoto si equivalgono.

Il primo esperimento è l’Orchestra Universale: i visitatori e gli utenti possono creare musica da un sequencer e riprodurla sull'installazione di Londra. Le creazioni sono salvate grazie a una tag univoca, che identifica la propria sessione. Mentre si compone una sinfonia con 6 note a disposizione, sono riprodotte in contemporanea le composizioni già registrate. Teletrasporto, invece, permette di salvare un’istantanea da 3 webcam a 360° presenti nel mondo e condividerla coi propri contatti e, al solito, coi visitatori del museo.

Il terzo esperimento, Sketchbots, è ancora più suggestivo. È possibile inviare all’installazione di Londra il proprio ritratto, scattato dal browser con la webcam, e farlo riprodurre da una matita che disegna sulla sabbia. Data Tracer è un motore di ricerca per le immagini che traccia la posizione “fisica” dei risultati e, infine, Lab Tag Explorer consente di visualizzare le creazioni degli altri visitatori e utenti. Web Lab è stato concepito per mostrare le potenzialità del web in HTML5 e l’esperienza è davvero impressionante.

Via | Google

  • shares
  • Mail