Twitter impone una verifica dell’età per i profili inadatti ai minori

Logo di Buddy MediaTwitter – la popolare piattaforma di microblogging – è tornata a proporre una forma di censura: questa volta, però, l’intento è lodevole. Grazie alla nuova partnership con Buddy Media, una società che si occupa di filtraggio dei contenuti, i minori non avranno più accesso ai profili che propongono materiali orientati soprattutto a un pubblico adulto. Per seguire e/o inviare messaggi diretti a questi account sarà necessario essere maggiorenni. Senza dubbio è una soluzione interessante, ma quanto potrà rivelarsi davvero efficace?

Anzitutto, Twitter non prevede l’indicazione della data di nascita per la registrazione dei profili. È probabile che, nel prossimo futuro, questo aspetto sia ripensato per assecondare la nuova funzionalità. Un altro limite è nella disponibilità del servizio: il controllo dell’età è riservato agli account verificati, che numericamente sono molto pochi. Peraltro, esiste sempre la possibilità che gli utenti dichiarino un’età superiore a quella reale, per aggirare le restrizioni — come avviene con regolarità su altri social network.

Non è trascurabile il fatto che, negli Stati Uniti, la maggiore età si raggiunge a 21 anni rispetto ai 18 previsti dai Paesi europei. Twitter e Buddy Media dovrebbero imporre, oltre alla data di nascita, l’inserimento della residenza. Un procedimento “macchinoso”, basato sulla buonafede degli utenti. Nonostante i limiti, il sistema di verifica è stato subito adottato da Jack Daniel’s e altre società che producono alcolici. Sorprendentemente, nella fase sperimentale non sono rientrate le case di produzione dei film pornografici.

Aggiornamento: una segnalazione mi fa notare che la maggiore età negli Stati Uniti si raggiunge a 18 anni (in realtà, con qualche eccezione da 17 a 21 a seconda dello Stato). L’età minima per bere alcolici è di 21 anni, perciò l’errore è molto relativo — dal momento che quei contenuti sarebbero inaccessibili fino al ventunesimo anno d’età.

Via | CNET News

  • shares
  • Mail