Office 2013: forse una Consumer Preview al 16 luglio

Steve Ballmer

Abbiamo recentemente visto qualche screenshot del futuro Office 2013, noto anche come Office 15, ma sembra che a questo punto Microsoft sia pronta per qualcosa di più grosso: una Consumer Preview da presentare nei prossimi tre giorni.

Steve Ballmer (nella foto) in persona si presenterà ad un evento per la stampa ad invito questo lunedì a San Francisco. Si tratta del momento perfetto per rivelare al mondo cosa Microsoft abbia preparato per la prossima incarnazione di Office e per donare agli intraprendenti una bella Consumer Preview.

Non manca certo una buona dose di curiosità a riguardo, per quanto non si possa parlare specificamente di hype. Non stiamo parlando di un nuovo telefonino, ma di un prodotto con il quale - se fosse di successo - milioni di persone dovranno imparare a convivere.

C’è molto che induce a ben sperare per le vendite, anche perché con una vasta fetta di PC aziendali che gira ancora col vecchio XP sono molti quelli che hanno optato per “saltare una versione o due” e si ritrovano con un sistema piuttosto vecchio. Il compito di Microsoft è dimostrare che l’update avrà la propria ragione d’essere. Subito dopo le licenze OEM, Office è la principale fonte di introiti per Redmond, con un incasso di 22,2 miliardi di dollari sui 70 totali.

L’analista finanziario Charles King afferma su USA Today che Office 2013 girerà solo su Windows 7 e Windows 8, forse addirittura solo su quest’ultimo. E’ vero che Microsoft desidera molto una migrazione verso un OS più recente, ma credo che limitare troppo il prodotto sarebbe un suicidio commerciale. C’è comunque da aspettarsi che finalmente XP venga lasciato indietro, tutto a favore di Windows 7.

Seven non è più nuovo ed è un sistema operativo solido e moderno, che non spaventa le aziende: si intravede da un po’ un tentativo di Redmond di usare quella generazione del proprio sistema operativo come compromesso tra l’ormai anziano XP ed il futuro 8, che per il momento sembra più orientato al mercato consumer.

Foto | Flickr
Via | USA Today

  • shares
  • Mail