Legalize Love, la nuova campagna di Google a favore dei matrimoni gay

Modulo di Ricerca per Google Search — Gay & Lesbian Pride MonthLegalize Love è la nuova campagna che Google ha lanciato ieri in Polonia e a Singapore. Consiste nella sensibilizzazione dei Paesi nei quali la multinazionale ha degli uffici per promuovere leggi che legalizzino i matrimoni tra lesbiche, gay, bisessuali e transgender. L’iniziativa potrebbe essere estesa ad altri Stati, tutti caratterizzati dalla presenza di leggi contro le unioni fra omosessuali. Legalize Love è arrivata a pochi giorni dal matrimonio di Chris Huges, il co-fondatore di Facebook che ha sposato il proprio partner.

La società di Mountain View è sempre stata favorevole ai matrimoni gay e ha abbracciato i diritti degli omosessuali già nel 2007. Ogni anno, a giugno, Google rinnova l’interfaccia grafica del motore di ricerca per festeggiare il mese dell’orgoglio LGBT. Legalize Love è appena l’ultima campagna in questa direzione: per quanto possa apparire strano, le motivazioni – dichiarate esplicitamente dalla multinazionale – non sono soltanto sociologiche. Google fatica ad assumere impiegati nei Paesi che limitano i diritti agli omosessuali.

È soprattutto un problema economico. Google è solita spostare i propri dipendenti da una sede all’altra, a seconda delle esigenze commerciali, e le leggi di Polonia, Singapore o altri Stati che non riconoscano le unioni civili e i matrimoni gay impediscono d’avere «la persona giusta al posto giusto» negli uffici della società. A prescindere dalla ragione principale, Legalize Love è un’iniziativa da sostenere. Il dibattito politico sui diritti degli omosessuali è molto acceso anche in Italia: Google potrebbe essere determinante.

Via | dot429

  • shares
  • Mail