RapidShare lancia RapidDrive, il proprio servizio di cloud storage

E' in arrivo un nuovo servizio di cloud storage, pronto a muovere i primi passi in un mercato già piuttosto florido, con Dropbox, Skydrive e Google Drive a farla da padroni. La concorrenza arriva direttamente da RapidShare, il cyberlocker che pochi mesi fa ha tentato di mettere un freno alla pirateria online riducendo la banda di download a 30 kbps per gli utenti free. Ora l'azienda tedesca ha provato a reinventarsi lanciando RapidDrive, ancora in fase beta e riservato esclusivamente agli utenti Pro.

RapidDrive, una volta scaricato ed installato, viene visualizzato dal sistema operativo - per ora soltanto Windows, ma sono previste versioni per altri sistemi operativi - come un hard disk aggiuntivo che non è altro che il vostro account di Rapidshare: per trasferire i file basterà un semplice drag & drop, senza passare dal browser, e potrete anche salvare nuovi file direttamente da software di terze parti, proprio come fareste con un hard disk o un dispositivo rimovibile.

Il servizio è ancora in fase di test e, salvo slittamenti, sarà lanciato ufficialmente ad inizio settembre. Se avete un account RapidPro potete già testarlo cliccando qui. L'avete già provato? Avete intenzione di farlo?

Via | NeoWin

  • shares
  • Mail