Bill Gates: Windows 8 rivoluzionario, Microsoft ha fatto bene a sfidare gli OEM

Bill Gates da Charlie Rose

Ieri Bill Gates ha espresso la propria fiducia nei riguardi del suo ex-impero, celebrando Windows 8 come il sistema operativo che ucciderà il PC tradizionale.

Presentatosi al talk show di Charlie Rose, il vecchio Bill ha dato prova di un ottimismo estremo, lodando con convinzione la strategia attuale di Microsoft. In particolare non vede controindicazioni nel fatto che la corporation sia entrata in competizione con gli OEM che da sempre sono la fonte primaria dei suoi introiti. La decisione di creare un tablet “fatto in casa” che sia concorrente a HP, Dell, Lenovo ed altri non è una scelta contraria al successo commerciale comune.

Secondo Gates non c’è alcun fattore che possa impedire la crescita di un ecosistema in cui sia Microsoft che gli assemblatori possono vivere in armonia:

“Si possono fare tranquillamente un po’ di apparecchi speciali, che sfoggiano il tuo brand, creati per far vedere qual’è la differenza tra un tablet ed un PC”

Probabilmente con queste parole Bill spiega che Microsoft sta solo creando un “punto di riferimento” al quale i partner commerciali possano ispirarsi in termini di funzionalità. Specie in questo momento dell’evoluzione del mercato, in cui secondo l’opinione di Gates ci stiamo avviando verso un futuro privo di PC tradizionali.

I tablet quindi rimpiazzeranno i vecchi tower ma anche i laptop, tutto grazie alle idee innovative di Windows 8, vero spartiacque commerciale. E’ abbastanza chiaro che su un Surface puoi avere tutto quello che hai su un PC. Si potrebbe ribattere a Gates chiedendogli quali sono esattamente le differenze tra un PC tradizionale e la variante di Surface pensata per processori x86: prezzo, peso, dimensioni e componenti interni non sono dissimili da un ultrabook, quello che cambia è solo la presenza di un touchscreen: più forma che sostanza.

Foto | Charlie Rose
Via | Business Insider

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: