Microsoft pensa all’implementazione di WebRTC su Skype per il browser

WebRTCSkype per il browser – una versione dell'omonima piattaforma su VoIP, ecc. che è stata rivelata da un annuncio di lavoro – potrebbe utilizzare WebRTC, il framework realizzato da Google per la comunicazione audiovisiva in tempo reale. HTML5Labs, una divisione di Microsoft orientata alla sperimentazione degli standard del World Wide Web Consortium (W3C) ha iniziato a distribuire un prototipo dell’implementazione su Skype, però la multinazionale non intende confermare l’effettiva volontà di produrre Skype per il browser da WebRTC.

Al momento, l’unica versione esistente di Skype per il browser è il Video Calling di Facebook. Quest’ultimo richiede il download di un plugin su Windows o Mac OS X da circa 30Mb e ripropone la stessa falsariga del client “nativo” sui vari sistemi operativi: una tecnologia proprietaria derivata dalla soluzione in P2P concepita a suo tempo per KaZaA — il primo progetto di successo dei creatori di Skype. La piattaforma non ha mai adottato un protocollo open source e sembra molto difficile che Microsoft possa cambiare atteggiamento.

Tuttavia, le video-chiamate di Skype utilizzano già VP8: il codec che Google ha acquistato da On2 per il progetto WebM e integrato in WebRTC. Il framework s’appresta a diventare uno standard, al quale il W3C lavora con Mountain View, e Microsoft potrebbe approfittarne per rinnovare l’offerta di Skype ed estendere il Video Calling di Facebook a qualunque dispositivo o sistema operativo. Senza obbligare gli utenti a scaricare un plugin. I progressi sono tuttora a uno stadio preliminare e perciò qualunque speculazione è ipotetica.

Via | GigaOM

  • shares
  • Mail