Facebook paga 10 milioni di dollari per chiudere una causa sulle notizie sponsorizzate

Facebook paga 10 milioni di dollari per chiudere una causa sulle notizie sponsorizzate

Da una causa presso la Corte Distrettuale del nord della California sarebbe arrivata una bolletta salata per Facebook: 10 milioni di dollari, che il social network ha accettato di pagare per chiudere il procedimento legale collegato alle sue notizie sponsorizzate. La causa sarebbe stata avviata circa un mese fa, ma di fatto i dettagli non sono stati resi disponibili fino al weekend, con la notizia dell'accordo milionario.

Nel dettaglio, il fatto è legato a quanto avvenuto a varie persone tra le quali tale Angel Fraley, che ha messo il cosiddetto "Like" (o "Mi Piace" in italiano) sulla pagina di Rosetta Stone, per ottenere demo software gratuiti. Il nome utente e la foto del profilo di Angel sono poi apparsi sulle pagine di tutti i suoi amici, con la scritta "Angel Frolicker likes Rosetta Stone." Ma secondo il Codice Civile della California, sarebbe illegale usare "nome, voce, firma, fotografia o ritratto altrui per pubblicità, vendita o adescamento" senza l'espresso consenso della persone coinvolta.

La difesa di Facebook a questo punto è stata legata al consenso implicito nell'accettare le Regole d'Uso del social network, nella quali viene dato "permesso di usare nome e foto del profilo in connessione a contenuti commerciali, sponsorizzati o collegati", controbattuto dall'accusa dal fatto che sarebbe impossibile scegliere di disattivare le Sponsored Stories sul proprio profilo. In aggiunta, tutti gli utenti coinvolti nell'accusa si sarebbero iscritti a Facebook prima dell'arrivo delle notizie sponsorizzate, per le quali la piattaforma non avrebbe chiesto specifico assenso.

Come saprete, le cosiddette Sponsored Stories sono state lanciate da Facebook a gennaio 2011, permettendo al social network di vendere a terzi Like, post e check-in dei propri iscritti come se fossero pubblicità sulle bacheche dei proprio amici. Come reagirà a questo punto il titolo in borsa?

Via | Theverge.com

  • shares
  • Mail