Microsoft si scusa dell’eccessivo “entusiasmo” mostrato alla NDC 2012

Windows AzureLe dimensioni contano e, per una volta, Microsoft non s'è riferita allo spazio disponibile su Windows Azure — la piattaforma in cloud computing che ha appena subito un aggiornamento consistente. Prima di salire sul palco della Norwegian Developers Conference (NDC) 2012 di Oslo, lo speaker di Redmond è stato introdotto da un gruppo di ballerine che inneggiavano alla potenza sessuale dei propri sviluppatori. Uno “spettacolo” di dubbio gusto che ha raggelato la platea e provocato diverse polemiche, non soltanto fra i partecipanti.

Perché i presenti non si perdessero neppure una parola della canzone in sottofondo, agli artisti sul palco Microsoft ha pensato d’affiancare un monitor a LED che proiettava il testo a mo’ di karaoke. Grazie a quest’intuizione, tutto il mondo può capire l’entità della caduta di stile della multinazionale: si parte dal paragonare la programmazione alla droga, arrivando a giocare sul termine Microsoft in un’esplicita allusione sessuale. Guardando il filmato registrato da un conferenziere è spontaneo domandarsi cosa avessero bevuto.

La registrazione in sé è non è affatto oscena, se non si considera tale la presenza di ballerine vestite da collegiali degli anni ’90 — che mi hanno ricordato le ragazze di Gianni Boncompagni a Non È La Rai. Sono le parole che scorrono sul LED, a lasciare esterrefatti: se l’intenzione di Microsoft era quella di farsi pubblicità, l’immagine offerta è stata pessima e dagli Stati Uniti è dovuto arrivare un comunicato di scuse verso i Norvegesi. Certi copywriter, giusto per usare un eufemismo, sembrano essere un po’ troppo estrosi.

Via | The Register

  • shares
  • Mail