Faceporn vince il primo round contro Facebook

Facebook280Facebook porta avanti la sua aggressiva battaglia in difesa dei propri marchi registrati. L'ultimo oggetto delle attenzioni dell'azienda è il sito norvegese Faceporn, il cui nome lascia ben poco spazio all'immaginazione: una sorta di social network dedicato al mondo del porno, con video gratuiti che gli utenti possono guardare, commentare, condividere o votare.

Facebook, forte del marchio registrato sulla parola "Face", ha fatto causa al portale, presso il tribunale della California, per violazione del trademark chiedendo la cessione del dominio e il pagamento delle spese processuali sostenute da Facebook. E stavolta gli è andata male.

Il giudice che si è occupato della causa, Jeffrey White, ha stabilito che la Corte non ha giurisdizione sul caso, visto che il sito è norvegese e che nessuno cittadino californiano è stato danneggiato o offeso in alcun modo da Faceporn. A questo punto Facebook ha tre possibilità: lasciar perdere, tentare di raggiungere un accordo come ha già fatto con Lamebook o rivolgersi ad un tribunale norvegese, col rischio però di perdere la causa.

Via | CNET

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: