Google Analytics inizia a monitorare i social media


Google Analytics si evolve cercando di restare al passo coi tempi e cerca di risolvere un problema che piaga da parecchio gli esperti di marketing: come comprendere il valore effettivo dei social media nei confronti di un business?

Le nuove computazioni aiuteranno a distinguere il tipo di traffico proveniente dai siti social, spiegando la provenienza dei visitatori ed in alcuni casi offrendo persino un accesso diretto alle conversazioni e attività che riguardano un dato brand. Dico in alcuni casi perchè questo livello di dettaglio è davvero possibile solo con una gamma di servizi social di profilo minore, quelli che hanno aderito al così chiamato Social Data Hub di Google.

Il Social Data Hub è un’iniziativa che Google ha lanciato e promosso da dicembre, e si tratta del metodo per inviare dati diretti ad Analytics. Le modifiche di cui stiamo parlando sono il primo risultato di questa collaborazione di network, ma va subito fatto notare che non ci sono grandi nomi come Twitter e Facebook e neppure super sfidanti come Pinterest e Tumblr. Il nome più pesante, non sorprende, è quello di Google+, con Blogger, Reddit ed altri servizi con utenze gigantesche ma che non sono al momento delle media star. E’ un vero peccato per chi si è volontariamente tagliato fuori, perchè quelli che hanno aderito al Social Data Hub invierà agli utenti di Google Analytics dei dati davvero precisi ed una visualizzazione diretta delle attività, commenti e link inclusi.

Collegare le attività social agli effettivi guadagni che se ne ricavano resta lo stesso problematico, ma le nuove capacità di Analytics colmano un grande vuoto e forniscono nuovi dati sulle performance globali. C’è una grande attenzione verso i social media, e la comprensione delle meccaniche non va di pari passo con lo sviluppo del mercato. La riluttanza a condividere informazioni di molti social network non fa bene al loro stesso business.

Via | 9to5 Google | Marketing Land

  • shares
  • Mail