Fibre ottiche nell'Artico per collegare Londra a Tokyo: 1,5 miliardi per 60ms


Le rompighiaccio aspettano l’estate per dare il via ad un progetto faraonico: collegare Londra a Tokyo con una serie di cavi a fibre ottiche che abbasseranno il lag tra le rispettive borse.

Al momento il collegamento tra i due mercati è assicurato da una serie di passaggi che portano i dati attraverso Europa, Medio Oriente ed Asia da un lato, Atlantico, USA e Pacifico dall’altro. I due sentieri non sono esattamente equidistanti ma si tratta in entrambi i casi di circa 24.000km. L’epica impresa artica assicurerà un tragitto di soli 16.000km. Con i cavi attuali servono ad un pacchetto 230 millisecondi per arrivare, mentre le nuove fibre consentiranno un tempo di transito di 170 millisecondi, il 30% in meno e quindi 60 millisecondi di guadagno netto.

Ciascuno dei tre cavi che verranno stesi costerà tra 600 milioni di dollari e 1,6 miliardi. Sembra un costo esorbitante per pochi attimi, ma la motivazione è il cosiddetto trading algoritmico, ovverosia l’uso di grandi cervelli elettronici capaci di smistare enciclopedie intere di dati rilevanti sul mercato, allo scopo di suggerire decisioni che fanno guadagnare milioni in pochi istanti grazie alla semplice tempestività.

I tre cavi si chiameranno rispettivamente Arctic Fibre, Arctic Link e ROTACS. L’ultimo è un acronimo che significa Russian Optical Trans-Arctic Submarine Cable System. Come effetto secondario doneranno dei collegamenti incredibilmente rapidi ad una serie di piccole comunità sul loro tragitto, ma l’ulteriore grande beneficio è la ridondanza, ovverosia un’eliminazione di molti colli di bottiglia pericolosi. L’attuale collegamento passa attraverso zone trafficate, in cui il rischio che i cavi vengano tranciati è reale ed all’ordine del giorno. Se si eccettua Babbo Natale e qualche rompighiaccio, l’Artico è una zona piuttosto sgombra, invece. In ogni caso, i cavi saranno calati a più di un centinaio di metri sotto alla superficie per scongiurare il pericolo-iceberg.

Foto | Flickr
Via | Extreme Tech

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: