Facebook dichiara guerra ai post di click-baiting

Facebook ha finalmente dichiarato guerra ai post di click-baiting. Ecco come.

Mark Zuckerberg

Facebook - Su Facebook vi sarete accorti che ci sono molti post che vi richiedono Like, condivisioni o altri tipi di interazione. Alcuni di loro cercano anche di attirarvi invogliandovi a vincere prodotti che sembrano troppo belli per essere veri (e infatti non lo sono. Non parlo dei GiveAway delle piccole Pagine, parlo di quando vi dicono che mettendo Like e condividendo quella foto potrete vincere macchine o occhiali Ray-Ban). Altri post cercano di appellarsi chiedendo condivisioni o Mi piace come se questi gesti potessero salvare il mondo. Comunque sia, Facebook ha finalmente deciso di dichiarare guerra al click-baiting selvaggio sulla piattaforma.

Facebook ha scelto di prendere provvedimenti perché i feedback degli utenti mostrano che le persone non amano questi post chiaramente di spam. Quello che Facebook ha fatto è stato insegnare agli algoritmi a riconoscere i modelli di tali post: in questo modo, una volta stabilito che un determinato post appartiene alla categoria del click-baiting selvaggio, ecco che verrà penalizzato a livello di visualizzazione nel News Feed. Il che vuol dire che nel nostro Feed vedremo di meno tale tipologia di contenuti. Inoltre anche le Pagine che utilizzano questi post esca verranno penalizzate nel corso delle prossime settimane per quanto riguarda la visibilità. Tutto ciò dovrebbe anche aiutare Facebook ad impedire che le notizie false diventino virali.

Facebook ha così spiegato: "Ridurremo i post che vanno contro uno dei nostri valore chiave nel News Feed: l'autenticità. Analogamente ad altri nostri recenti sforzi volti a ridurre i titoli di click-baiting e link a pagine web di bassa qualità, vogliamo ridurre la diffusione di contenuti spam, sensazionalistici o fuorvianti al fine di promuovere conversazioni più significative e autentiche su Facebook".

Facebook ha poi rassicurato tutti: post che chiederanno aiuto, consigli, raccomandazioni, ricerca di persone scomparse, raccolte fondi per una causa o anche consigli di viaggio, non verranno influenzati negativamente da questo aggiornamento.

Via | BGR

  • shares
  • +1
  • Mail