Revisionati i processi sul P2P perché il difensore non era abilitato

Third Degree FilmsUna società che produce film di carattere pornografico, un avvocato improvvisato che non può esercitare e una serie di processi sul download illegale da sottoporre a revisione. Sarebbero ottimi elementi per una barzelletta e, invece, hanno costretto la Magistratura statunitense della Florida al riesame delle cause sul peer-to-peer.

Terik Hashmi, difensore della Third Degree Films, ha esercitato la professione d’avvocato contro un ingente numero d'individui che negli anni hanno caricato e/o scaricato materiale pornografico prodotto dai suoi assistiti. Tuttavia, Hashmi non ha mai avuto l’abilitazione per lo Stato della Florida: i processi sono stati “congelati”.

La Third Degree Films sporgeva denuncia per ottenere i nomi delle persone che scaricavano i suoi lungometraggi e, in seguito, li contattava individualmente per costringerli a pagare — evitando d’arrivare in aula. Quando, però, la persuasione non era sufficiente a difendere la produzione era l’avvocato improvvisato. Tutto da rifare.

Via | Ars Technica

  • shares
  • +1
  • Mail