Slack: come capire se il vostro capo spia i DM

Lo sapevate che su Slack il vostro capo potrebbe anche spiare i vostri Messaggi Diretti? Ecco come fare per capire se i vostri DM sono al sicuro.

Spiare computer

Slack - Quanto sono privati i nostri canali e i nostri messaggi su Slack? Il nostro capo potrebbe leggere non solo i nostri commenti, ma anche i nostri Messaggi Diretti? Ebbene sì, la risposta è affermativa. Molti sostengono che non si dovrebbero mai inviare su Slack messaggi o commenti che non si vogliono far vedere al proprio capo, solo che per chi lavora da remoto questo potrebbe risultare un po' difficile. Tuttavia esiste un modo per scoprire quali sono le impostazioni sulla privacy di Slack nella nostra azienda. Prima le basi: i canali pubblici, per definizione, possono essere visti da chiunque, i loro contenuti sono ricercabili, quindi anche se il vostro capo non vi entra direttamente, non vuol dire che non possa vedere i messaggi qui contenuti.

Per quanto riguarda i canali privati (identificati con una piccola icona a forma di serratura), tecnicamente i loro contenuti sono visibili e ricercabili solamente dai membri di quel canale. Tuttavia i nostri messaggi cessano anche qui di essere privati se il nostro capo insiste per essere invitato nel canale. Tutto ciò ci lascia come ultima spiaggia i DM o Messaggi Diretti. Secondo Slack sono visibili e ricercabili solamente a voi e ai membri di quel DM. Ma c'è una scappatoia con cui il vostro capo potrebbe comunque vedere anche i DM: si tratta del Compliance Export.

Slack: come fa il vostro capo a spiare i vostri Messaggi Diretti?

Le aziende che usano il Plus Plan di Slack hanno la possibilità di abilitare quello che si chiama Compliance Report. Suona bene, ma il suo significato va oltre le sue parole: è un modo per il proprietario di un team di esportare tutti, ma proprio tutti, i dati su Slack. I vostri capi possono dunque richiedere l'accesso a tutta la storia e cronologia dei messaggi su Slack, inclusi i messaggi privati e i Messaggi Diretti. Anzi, c'è anche una nota che spiega come lo strumento del Compliance Export possa essere abilitato in modo che nell'esportazione dei dati di Slack siano inclusi tutti i messaggi e i file provenienti dai canali privati e dai DM.

In sostanza, se il capo della vostra azienda ha abilitato questa funzionalità, può esportare i contenuti dei vostri DM, rendendo così pubbliche le vostre chat private. Come fare, dunque, per sapere se il vostro capo ha abilitato questa funzione? La procedura è abbastanza semplice:

  1. entrate su Slack dal vostro browser


  2. andate su https://[inserire qui il nome del vostro team].slack.com/account/team (ovviamente dovete togliere le parentesi)
  3. scorrete fino alla parte inferiore della vostra pagina e controllate se questa funzionalità sia abilitata
  4. se è abilitata, qualsiasi tipo di messaggio che voi abbiate mai inviato in una chat privata o sui DM, inclusi i messaggi eliminati, potenzialmente potrà essere cercato e visto dal vostro capo
  5. se la funzione non è abilitata, allora tutto ciò è bene perché tale funzione non è retroattiva: registra solamente i messaggi provenienti dai canali privati e dai DM inviati prima dell'attivazione della funzione

Da testare poi anche la funzione API Discovery. Si tratta di una feature che permette a chi usa Slack o Workspace di integrare il sito con applicazioni di terze parti per esportare, conservare o archiviare messaggi e file inviati con Slack. Per vedere quali app di terze parti sono integrate dovete:

  1. entrate su Slack dal vostro browser
  2. andate su https://[inserire qui il nome del vostro team].slack.com/apps/manage
  3. qui potete vedere tutte le applicazioni integrate con l'API di Slack
  4. dal menu Access type, cliccate su Can access messages
  5. adesso per ogni app indicata, controllate App Info e Settings per scoprire quali collaboratori o dirigenti, tramite app integrate, hanno le autorizzazioni per accedere ai contenuti dei DM dell'utente

Via | Mashable

Foto | 143601516@N03

  • shares
  • +1
  • Mail