Alex Stamos di Facebook risponde alle critiche relative al nuovo algoritmo delle News

Il Chief Security Alex Stamos di Facebook ha risposto alle critiche inerenti al nuovo algoritmo delle News atto a prevenire la diffusione delle fake news.

Facebook, Alex Stamos

Facebook - Il responsabile della sicurezza di Facebook, Alex Stamos, ha voluto rispondere alle critiche relative al nuovo algoritmo delle News studiato per limitare la piaga delle fake news. Alex Stamos ha difeso la capacità di apprendimento della piattaforma in questo campo. Alex Stamos ha, infatti, spiegato che il problema delle fake news è molto più complesso di quanto molti non pensino. In prima linea nella vicenda degli account russi responsabili di aver influenzato le elezioni presidenziali degli Stati Uniti nel 2016, ecco che Stamos ha difeso a spada tratta gli algoritmi dell'azienda, quelli che, in pratica, determinano ciò che gli utenti vedono nel loro News Feed.

Alex Stamos di Facebook parla della lotta contro le fake news

Alex Stamos di Facebook ha così spiegato: "Sto vedendo un sacco di copertura riguardo ai nostri recenti problemi guidata da stereotipi e attacchi di fantasia. Nessuno di sostanza delle grandi aziende pensa che gli algoritmi siano neutrali". E ha aggiunto: "Nessuno è a conoscenza dei rischi".

Su Twitter, poi, tramite dei tweet, Alex Stamos ha poi riflettuto sul fatto che la richiesta degli utenti di protezione dei dati da parte dei governi si basa molto su chi è la persona protetta. Secondo Stamos, molte persone non pensano al mondo che chiedono che venga costruito e quando gli dei vogliono punirci, a volte semplicemente rispondono alle nostre preghiere.

Facebook nel corso degli ultimi mesi si sta dando parecchio da fare per contrastare le fake news. Articoli correlati relativi ai trending per fornire news di controllo e altre prospettive, maggiori controlli, sono tutti sistemi con cui Facebook tenta di contrastare le notizie false e le bufale.

Via | Cnet

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail