WeChat può condividere le informazioni degli utenti col governo cinese

WeChat è uno dei servizi di messaggistica istantanea più popolare in Cina - l'azienda è cinese e la concorrenza occidentale viene puntualmente bloccata nel Paese - e pochi giorni fa ha aggiornato la propria politica sulla privacy e rivelando la possibilità di fornire i dati personali degli utenti al governo cinese.

I nuovi termini parlano chiaro: "Potremo dover immagazzinare, conservare o divulgare le vostre informazioni personali per un periodo di tempo più lungo". Questo, si legge nel nuovo documento, potrà accadere per una serie di casistiche diverse:


  • per ottemperare a un ordine di un tribunale o un altro procedimento legale
  • in risposta a una richiesta delle autorità governative, forze dell'ordine o corpi simili (situati nella vostra giurisdizione o al di fuori)
  • nel caso in cui si ritenga ragionevolmente necessario per aderire alle leggi o regolamentazioni
  • al fine di applicare i Termini del Servizio di WeChat o di questa Politica della Privacy, proteggere i nostri diritti, le nostre proprietà e la nostra sicurezza, o i diritti, le proprietà e la sicurezza delle nostre aziende affiliate o degli altri utenti di WeChat.

Il ventaglio di opzioni è piuttosto ampio e di fatto WeChat può fare pressoché ciò che vuole con le informazioni personali degli utenti, dal nome all'indirizzo email, passando per i contatti e arrivando persino alla posizione e alle posizioni recenti dell'utente.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail