Hotmail vince (di poco) la guerra allo spam: parola di uno studio commissionato da Microsoft

antispam_CascadeInsights

Lo spam è una piaga che da sempre affligge che utilizza la posta elettronica. La diatriba va avanti da anni: quale provider fornisce gli strumenti migliori per combattere lo spam? Microsoft ha cercato la risposta a questa domanda e per farlo ha commissionato uno studio alla Cascade Insights, chiedendo di testare l'efficacia dei filtri anti-spam dei tre principali provider: Hotmail, Gmail e Yahoo Mail.

I ricercatori hanno creato un account per ognuno dei provider sopracitati e un quarto account con un web hoster sprovvisto di filtri. Questi account sono stati poi utilizzati per l'iscrizione ad una serie di siti internet (qui la lista completa) e sono letteralmente dati in pasto dal web: tutte le mail ricevute tra il 14 novembre e il 20 dicembre dello scorso anno sono state utilizzate nella ricerca. I risultati hanno evidenziato che il provider che fornisce gli strumenti migliori contro lo spam è Hotmail, seguito da Google e infine da Yahoo.

Al termine del periodo stabilito la posta in arrivo dell'account Hotmail conteneva 453 email: di queste il 48.57 percento è risultato essere spam. Un risultato di poco superiore a Gmail (493 mail, 48.88% di spam), mentre decisamente più importante rispetto a Yahoo. Quest'ultimo, infatti, ha registrato una percentuale di spam nella posta in arrivo del 58.33%, circa sei punti percentuale in meno del provider che non offriva alcun filtro.

Va precisato che non si tratta di una verità assoluta, anche se è facile prevedere che Microsoft userà questi risultati come prova della superiorità di Hotmail. Questi indirizzi email sono stati creati appositamente per attirare lo spam e il loro utilizzo non può essere in nessun modo paragonato a quelle che ne fa un utente qualsiasi. Senza considerare che, leggendo il report, si capisce che il confine tra messaggi di spam e non è piuttosto sottile.

Si può invece prendere atto, come suggerisce TheNextWeb, dei progressi fatti da Microsoft nella lotta allo spam. Voi che ne pensate? Le vostre esperienze in merito quale provider vi hanno portato a ritenere più al riparo dallo spam?

Via | The New York Times

  • shares
  • +1
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: