Facebook ha venduto annunci pubblicitari a "troll" in Russia

Sembra che Facebook abbia venduto annunci pubblicitari a "troll" in Russia e questo possa essere un grosso problema.

russia

Facebook - Problemi all'orizzonte per Mark Zuckerberg. Facebook ha, infatti, riferito di aver venduto migliaia di annunci pubblicitari ad una società della Russia che si è rivelata essere connessa ad una sorta di "troll farm" il cui scopo era quello di influenzare gli elettori durante le elezioni del presidente degli Stati Uniti nel 2016. Il fatto è che non si sa esattamente quando sia stato grande tale accordo. Secondo i rapporti del Washington Post, questa azienda è legata ad una "troll farm" di propaganda russa ed ha pubblicato annunci pubblicitari che Alex Stamos, responsabile della sicurezza di Facebook, ha rivelato "concentrarsi sull'amplificazione di messaggi sociali e politici suddivisi per tutto lo spettro ideologico", toccando argomenti vari come le questioni LGBT, l'immigrazione, il diritto alle armi...

Facebook: problemi di falsa propaganda durante le elezioni negli USA?

Secondo il Post, alcuni di questi annunci pubblicitari venduti in Russia avrebbero proprio fatto riferimento a Donald Trump e Hillary Clinton. Il Post poi ricorda che esiste una legge federale che vieta ai cittadini stranieri o ai governi esteri di "contribuire o spendere soldi per influenzare un'elezione federale, statale o locale negli Stati Uniti".

Tutto ciò contrasta in maniera abbastanza evidente con le affermazioni di Mark Zuckerberg a seguito delle elezioni: qui aveva dichiarato che fosse "un'idea abbastanza folle" pensare che il fallimento della sua società nel regno delle cosiddette "false notizie" fosse in qualche modo responsabile dell'elezione di Donald Trump.

Ciò che preoccupa, in realtà, non è tanto il fatto che un gruppo russo volesse influenzare le elezioni USA. Quello che preoccupa è che su Facebook il tentativo è stato sin troppo facile, tutto per la modica cifra di 100.000 dollari. Il che non testimonia bene per il futuro.

Via | Mashable

Foto | villamon

  • shares
  • Mail