100 startup cinesi del web 2.0

100 startup cinesi del web 2.0C'è un interessante blog chiamato "China Web 2.0 review" che recensisce, un pò come Techcrunch, ogni nuova startup del web 2.0, ma in questo caso solo quelle situate nel grande paese asiatico.

Grazie a questo blog vi segnalo una lista di cento nuovi servizi del web 2.0 cinese.

Un unico appunto a queste società è sicuramente il fatto che limitandosi al solo uso della lingua cinese tagliano fuori un'enorme utenza potenziale: d'altro canto questo restringe ai soli cittadini cinesi l'utilizzo limitando i problemi di crescita e sicuramente permette al governo un maggior controllo dei contenuti.

Ho provato alcuni di questi servizi, cercando di ovviare ai problemi di comprensione della lingua: molti però mi sembrano solo semplici cloni di servizi già esistenti, da cui diversi copiano in modo più o meno spudorato pure il design.

A quando un web2.0 dall'India e dal Giappone in grado di competere a pieno titolo con quello americano? Naturalmente sarebbe interessante se anche dall'Italia arrivassero più frequentemente novità del genere. Coraggio.

  • shares
  • Mail