Laura Boldrini scrive una lettera a Mark Zuckerberg e Facebook per contrastare l'odio sul social network

Laura Boldrini ha scritto su Repubblica una lettera a Mark Zuckerberg e Facebook per contrastare l'odio che dilaga sul social network.

laura boldrini

Laura Boldrini - Dopo l'appello contro le bufale, Laura Boldrini ha deciso di scrivere una lettera a Mark Zuckerberg e Facebook per chiedergli di porre più attenzione alle campagne diffamatorie e d'odio che dilagano sul social network, sulle bufale e sulle menzogne che quotidianamente compaiono e vengono condivise e per parlare anche dei gruppi chiusi. Curiosamente Laura Boldrini ha deciso di postare questa lettera non su Facebook, come sarebbe stato logico, ma l'ha fatta pubblicare su Repubblica. Se volete leggere per intero la lettera, basta andare su Repubblica. Non credo che Mark Zuckerberg legga regolarmente Repubblica, perché dunque pubblicare un appello lì e non su Facebook? In passato altre personalità italiane avevano lanciato appelli a Mark direttamente su Facebook, ottenendo anche delle risposte, mi sembra il luogo ideale per parlare con il CEO di Facebook.

Nella lettera la Boldrini spiega di aver parlato con Richard Allan, Vicepresident Public Policy di Facebook, a Montecitorio una prima volta su sua richiesta. Poi c'era stato un secondo incontro durante la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne dove gli aveva fatto notare quante oscenità arrivino quotidianamente a lei e a tutte le donne che rivestono un ruolo pubblico e ha dichiarato che Facebook fa poco per eliminarle. La Boldrini conclude la lettera rivelando di aver fatto tre proposte ad Allan per la rimozione di tali contenuti, di cui due tecniche. La terza, invece, richiederebbe l'apertura in Italia di un ufficio operativo. Solo che poi la Boldrini lamenta che le risposte ottenute dopo due mesi sono state quanto mai vaghe, per cui si rivolge direttamente a Zuckerberg per chiedergli da che parte stia in questa lotta contro l'odio e l'inciviltà. Spero che Repubblica abbia inviato una copia della lettera in inglese a Mark Zuckerberg, altrimenti anche questo appello sarà destinato a cadere nel vuoto.

Qui il post di Laura Boldrini su Facebook che invita a leggere la lettera su Repubblica:

Foto | Screenshot dall'account Facebook di Laura Boldrini

  • shares
  • Mail