Microsoft ammette di aver sbagliato a spingere l'aggiornamento a Windows 10

Finalmente Microsoft ammette di aver sbagliato nello spingere così tanto l'aggiornamento a Windows 10.

windows 10

Microsoft ha finalmente confessato di aver esagerato nello spingere così tanto l'aggiornamento a Windows 10. L'ammissione è avvenuta durante il podcast Windows Weekly: qui Chris Capossela ha parlato di politiche di update troppo aggressive. Si è giustificato spiegando che l'azienda voleva che gli utenti migrassero a Windows 10 in modo da poterli tutelare soprattutto nell'ambito della sicurezza. In effetti Microsoft ha faticato a trovare l'equilibrio: secondo l'azienda durante la fase nella quale l'aggiornamento veniva offerto gratuitamente, questo equilibrio è stato mantenuto.

Cosa non accaduta, invece, durante la fase della X rossa della famigerata app Ottiene Windows 10. Uno sfortunato update, infatti, fece sì che per due settimane si avviasse l'aggiornamento a Windows 10 anche quando gli utenti chiudevano l'app cliccando il pulsante X di color rosso. Tu chiudevi per dirgli che non volevi l'aggiornamento e l'aggiornamento avveniva comunque. Gli utenti protestarono contro questa forzatura e Microsoft ci mise due settimane a risolvere il problema. Comunque sia, almeno alla fine Microsoft ha riconosciuto l'errore e ha chiesto scusa agli utenti. Speriamo che in futuro non accada più nulla di simile.

Via | Forbes

Foto | smemon

  • shares
  • +1
  • Mail