Warner e Sony Music insieme alla Universal contro Grooveshark

il logo di groovesharkNuovi guai in vista per Grooveshark, il servizio di streaming musicale gratuito che permette agli utenti di effettuare l’upload di brani che vengono poi eseguiti in streaming sui dispositivi di chi li ascolta. Sony Music Entertainment e Warner Music Group hanno deciso di unirsi a Universal Music Group nella causa intentata nel novembre scorso contro il gruppo proprietario di Grooveshark, Escape Media Group Inc.

I motivi, lo ricorderete, sono legati al comportamento illegale di alcuni alti vertici dell'azienda, tra i quali anche lo stesso CEO Sam Tarantino, che, secondo quanto già affermato da Universal Music, avrebbero effettuato l'upload di 113.000 brani senza averne i diritti, quindi illegalmente. L'azienda si è già preoccupata di rispondere con un comunicato:

Siamo intenzionati a difenderci aggressivamente in tribunale. Grooveshark è un'azienda fondata sul nostro amore per la musica e sulla nostra passione che è quella di dare ai musicisti una piattaforma attraverso la quale raggiungere un pubblico mondiale. Rispettiamo la proprietà intellettuale degli artisti e le nostre politiche sono modellate per assicurare che vengano caricati solo contenuti autorizzati.



Per Grooveshark, insomma, non è un periodo d'oro. Se nel 2009 l'azienda era riuscita ad accordarsi con la EMI - sempre a seguito di una causa intentata dall'etichetta discografica - ora combattere contro tre major è un'impresa colossale alla quale potrebbe non sopravvivere. Anche Google, da parte sua, si è schierata contro Grooveshark rimuovendo l'applicazione dal Marketplace di Android e pensando ai propri interessi.

La Universal, per fare un esempio, aveva chiesto un risarcimento di ben 150.000 dollari per ogni brano caricato illegalmente, per un totale di quasi 16 miliardi di dollari. Senza contare che, come sostiene il New York Times, anche l'accordo precedentemente raggiunto con la EMI è a rischio. Non ci resta che attendere quale sarà la prossima mossa di Grooveshark e che ne sarà del suo futuro.

Via | Wall Street Journal

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: