WebOS sopravviverà, HP lo renderà open source

il futuro di webOS

Sono state svelate ieri le sorti di webOS, il sistema operativo Linux-based sviluppato da Palm e acquistato da Hewlett-Packard. Dopo l'addio dell'agosto scorso, HP ha annunciato che renderà webOS un progetto open source, pur continuando a contribuire al suo sviluppo.

La speranza dell'azienda è che grazie il potere di sviluppo della comunità open source possa far espandere webOS e magari convincere altre compagnie ad adottarlo come alternativa a Windows Phone o Android. Meg Whitman, presidente e CEO di HP, ha spiegato che l'azienda, restando parte attiva del progetto, si propone come guida della community open source al fine di assicurare una gestione trasparente ed evitare così la frammentazione.

Ora resta da capire che succederà: riuscirà questa mossa a dare nuova linfa a webOS e a trasformarlo in un temibile competitor di Android o, come sostiene Matthew Panzarino di TheNextWeb, dobbiamo considerarlo una piattaforma già morta?

Questa mossa, sottolineano gli analisti, ricorda quella compiuta da Nokia anni fa quando creò la Symbian Foundation con lo scopo di mantenere la guida dello sviluppo open source del sistema operativo Symbian. Quella decisione non si rivelò in successo e sono in molti a scommettere che HP non farà altro che ripetere quei passi falsi. Voi che ne pensate?

Via | Marketwire

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: