Firefox Nightly aggiunge il supporto a SPDY, il protocollo di Google

Firefox NightlyFirefox Nightly, il canale più “instabile” per il rilascio del browser di Mozilla, ha aggiunto il supporto iniziale a SPDY: è il protocollo che Google ha ideato per rendere il web fino a «due volte più veloce». Al momento, SPDY è supportato esclusivamente da Chrome e i servizi di Google sono gli unici a implementarlo ufficialmente.

La prima versione a integrare SPDY sarà Firefox 11. SPDY si pronuncia speedy (lett. “veloce”) ed è un protocollo complementare ad HTTP. La velocità di trasporto dei dati, rispetto all’utilizzo esclusivo di HTTP, è garantita dalla compressione con GZip e dal multiplexing che permette di trasmettere le informazioni in un unico flusso.

SPDY richiede una connessione sicura via Transport Layer Security (TLS), il successore di SSL. Un tentativo d'integrare SPDY all'esterno di Google e dei relativi servizi è stato fatto da Amazon per Silk su AWS/EC2: il risultato del Kindle Fire non è così soddisfacente. Mozilla prevede un’attivazione esplicita di SPDY su Firefox 11.

Non esiste una reale necessità di completare al più presto l’integrazione di SPDY su Firefox. Le specifiche del protocollo dovranno essere inviate alla IETF perché SPDY diventi uno standard e lo sviluppo del progetto è ancora in bozza. La diffusione del protocollo è molto limitata: soltanto Netflix ha dimostrato un certo interesse.

Per provare il supporto sperimentale di Mozilla a SPDY, occorre cambiare il valore della chiave network.http.spdy.enabled in true da about:config con Firefox Nightly. Se, invece, si vogliono monitorare i servizi che accedono a SPDY bisogna fare riferimento a chrome://net-internals/ sul browser di Google. Non è possibile con Firefox.

L’attivazione di SPDY su Firefox Nightly non dovrebbe comportare enormi guadagni nel caricamento delle pagine. La prova è giustificata qualora si faccia un utilizzo ripetuto dei servizi di Google e anche in questo caso non è garantita una riduzione evidente dei tempi di latenza. Lo sviluppo di SPDY ha davanti a sé un lungo cammino.

Via | The H Open

  • shares
  • Mail