Pokemon Go: in Arabia Saudita rinnovata la fatwa contro il franchise dei Pokemon

In Arabia Saudita è stata rinnovata la fatwa contro il franchise dei Pokemon a causa di Pokemon Go.

pokemon go

Pokemon Go è popolare ovunque, tranne che in Arabia Saudita. A quanto pare, infatti, le autorità religiose hanno deciso di rinnovare una vecchia fatwa risalente a una decina di anni fa circa contro il franchise dei videogiochi dei Pokemon in quanto considerato non-islamico. Il decreto originale era stato promulgato per affrontare l'allora crescente mania per il Pokemon Card Game, il gioco di carte dei Pokemon reo di avere immagini proibite e di istigare al gioco d'azzardo, proibito dall'Islam. Secondo lo sceicco Saleh al-Fozan, anche il gioco Pokemon Go ha le stesse qualità non islamiche del vecchio gioco di carte dei Pokemon, quindi la fatwa (la numero 21.758) è stata rinnovata.

Pokemon Go e la fatwa in Arabia Saudita

Un grosso problema che l'Arabia Saudita ha sempre avuto col franchise dei Pokemon è il concetto di "evoluzione" dei Pokemon. Secondo l'editto "La teoria dell'evoluzione è l'elemento principale. Una delle cose più importanti che fa sì che l'uomo debba condannare questo gioco è il fatto che stia adottando la teoria dell'evoluzione sviluppata da Darwin. Questa teoria afferma che tutte le specie di organismi si evolvono e che l'origine degli uomini deve essere ricercata in una scimmia. E' con stupore che notiamo come i bambini usino spesso la parola evoluzione sia dentro che fuori dal gioco. Si sentono dire che questa creatura contenuta nella carta si è evoluta in un'altra forma".

Altro problema riportato nella fatwa originale è che ci sono problemi con alcuni simboli della serie, fra cui la stella a sei punti che può essere associata ad Israele e diverse forme che richiamano alla mente quella della croce cristiana. Ma l'Arabia Saudita non è certo il solo paese musulmano che vuole mettere al bando Pokemon Go: anche l'Egitto vorrebbe vietarlo a causa di problemi di sicurezza, mentre Kuwait e Emirati Arabi Uniti stanno discutendo della questione.

Via | Cnet

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail