Facebook permetterà di creare raccolte di fondi personali per beneficenza

Da adesso Facebook permetterà di effettuare raccolte personalizzate di fondi di beneficenza. Ecco come funzionerà questa feature.

facebook raccolta fondi

Facebook ha deciso di lanciare un nuovo strumento che permetterà di creare raccolte di fondi personali a favore di enti di beneficenza certificati. In aggiunta verrà inserito anche un sistema per accettare donazioni da altri utenti senza dover andare altrove per completare le loro transazioni. La nuova funzione si basa sugli sforzi fatti da Facebook per permettere alle organizzazioni che si occupano di beneficenza di ottenere maggior sostegno anche sul social network. Se ricordate, infatti, l'anno scorso Facebook aveva lanciato uno strumento per permettere alle organizzazioni non profit di creare campagne di raccolta fondi. Adesso anche le singole persone potranno fare altrettanto, sempre si intende a favore di enti certificati.

Facebook: come funziona la raccolta fondi per beneficenza?

Naomi Gleit di Facebook ha così spiegato a USA Today: "Donare è una cosa molto personale. Una cosa è che la Croce Rossa Americana raccolga fondi per la Croce Rossa Americana. Un'altra cosa è invece che un amico raccolga fondi a favore della Croce Rossa Americana. Noi tendiamo a donare di più alle persone che ci stanno a cuore".

Sulla lista degli enti di beneficenza verificati ci sono anche Oxfam, The Nature Conservancy e Alzheimer’s Association. Attualmente questo strumento è disponibile solamente per l'1% degli utenti negli Stati Uniti e si può scegliere di sostenere una qualsiasi delle 100 organizzazioni non profit verificate da Facebook. L'azienda ha dichiarato che riceverà il 5% del totale dei fondi raccolti, mentre il restante 95% andrà all'ente di beneficenza.

Sarà interessante vedere se questo strumento riuscirà ad aiutare ad accelerare le iniziative di raccolta fondi da parte delle organizzazioni non profit. Facebook ha poi detto che espanderà questo programma negli Stati Uniti nel corso delle prossime settimane, mentre ancora non si sa se e quando arriverà al resto del mondo.

Via | The Next Web

Foto | Screenshot da Facebook

  • shares
  • +1
  • Mail