LinkedIn, in vendita i dati rubati di oltre 110 milioni di utenti

Sono passati quattro anni dal colossale hack di LinkedIn che portò al furto dei dati di accesso di milioni di utenti del servizio e una manciata di ore fa quei dati privati sono stati trovati in vendita nel dark web alla cifra di 5 Bitcoin o 2.300 dollari.

A scoprirlo ci ha pensato Motherboard, che ha notato il pacchetto di dati messi in vendita da un certo Peace. Al momento non è chiaro se sia stato venuto o meno, quello che sembra certo è che il pacchetto conterrebbe i dati di 117 milioni di utenti, un numero molto maggiore rispetto a quanto si era detto al momento dell’attacco quattro anni fa, quando si parlava dei dati a rischio di 6,5 milioni di utenti.

Il pacchetto, in realtà, conterrebbe 167 milioni di account, ma solo 117 milioni di questi sarebbero completi di nome utente e password.

LinkedIn, intanto, è già intervento sulla vicenda, invitando tutti gli utenti, nel dubbio, a cambiare i dati di accesso al servizio e di abilitare la verifica in due passaggi, che rende più difficile l’accesso a un account utilizzando soltanto nome utente e password.

linkedin-03.jpg

Via | LinkedIn

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail