WhatsApp: Buoni sconto Zara da 150 euro? Una truffa


Avete ricevuto un messaggio WhatsApp che promette di regalarvi un buono da 150 euro che sarebbe valido in tutti i negozi della catena di abbigliamento Zara? Bene, potete evitare di cliccare e dovreste avvertire il mittente che è appena caduto, con tutta probabilità, in una truffa. Il meccanismo è simile a quella di un raggiro circolato sempre su WhatsApp qualche settimana fa, in quel caso la promessa per l'utente era un buono da 50 euro per un'altra catena d'abbigliamento molto popolare, H&M.

Peccato che di regali non se ne trovassero, al contrario l'utente veniva trasferito su una URL che cercava di attivare uno dei fantomatici "servizi in abbonamento" che, con la "complicità" degli operatori telefonici restii a bloccare queste pratiche, vanno ad erodere il credito telefonico in cambio di presunti "contenuti" di nessun interesse per le persone e contemporaneamente costosissimi (possono arrivare anche a diverse decine di euro a settimana).

Nel caso del messaggio sui buoni sconto di Zara l'utente viene reindirizzato ad un sito che contiene un breve sondaggio sulle abitudini di consumo ("sei cliente? Con che frequenza acquisti? A che distanza abiti dal negozio?") al termine del quale si annuncia di essere fra i "fortunati vincitori" del buono sconto da 150 euro. Ovviamente per ottenere il regalo è necessario condividere il link con almeno 3 gruppi WhatsApp o con 10 contatti della rubrica.

Così altre decine di persone ricevono il link nel più classico degli effetti moltiplicatori delle "catene di Sant'Antonio". Il problema è che questa operazione deve essere eseguita in un limite di tempo ristretto e quando si cerca di selezionare i "3 gruppi" richiesti questi non vengono riconosciuti, intanto il tempo passa e una volta completato l'invio ad almeno 10 contatti ci si ritrova senza spiegazione su un sito di gossip it.blaBlavipnews.com. A questo punto il sito cercherà di attivare uno di questi servizi in abbonamento.

E il buono da 150 euro? Purtroppo il tempo per richiedere il regalo è scaduto, ma con una discreta faccia tosta viene data la possibilità all'utente di cliccare su "Altre offerte" che potrebbero interessarlo. Sempre con la promessa di altri, inesistenti, 100 euro di sconto.

Il consiglio per tutti è di non cliccare, non diffondere il link fra i propri contatti e avvisare il mittente: dovrebbe dare un'occhiata ai servizi in abbonamenti eventualmente attivati e al suo credito, potrebbe trovare una brutta sorpresa.

  • shares
  • +1
  • Mail