Diritto a essere dimenticati, la Francia multa Google per violazioni

diritto-ad-essere-dimenticati

L'authority per la protezione dei dati ha multato Google per 100.000 euro, a causa delle violazioni del motore di ricerca in materia di diritto a essere dimenticati. La decisione si aggancia direttamente all'estensione del diritto al di fuori dei confini europei, su cui si è a lungo dibattuto prima che Google accettasse di rimuovere i risultati anche da domini esterni all'Unione Europea come google.com.

Nel frattempo, la Commission Nationale de l’Informatique et des Libertes (CNIL) ha comunque deciso di comminare la suddetta multa, anche se c'è da dire che il totale sembra più simbolico che realmente in grado d'impensierire le casse del colosso informatico americano. La diatriba risale al mese di maggio, durante il quale il CNIL espose il suo punto di vista:

"Contrariamente a quanto sostenuto da Google, rimuovere contenuti da tutti i domini non minaccia la libertà d'espressione, in quanto non implica la cancellazione dei contenuti da Internet."

Un portavoce di Google rispose prontamente, ribadendo la posizione della società:

"Abbiamo lavorato duro per implementare il diritto a essere dimenticati in Europa nella sua completezza. Ma in linea di principio siamo in disaccordo con l'affermazione del CNIL che esso ha l'autorità per controllare i contenuti ai quali le persone possono accedere al di fuori della Francia. Abbiamo nel nostro piano un ricorso in appello."

Via | Venturebeat.com

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
0 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO