Attentati di Bruxelles, linee telefoniche intasate: si invitano i cittadini a usare Facebook, WhatsApp e Twitter

attentato-bruxelles.jpg

Gli attentati che hanno colpito questa mattina la città di Bruxelles, provocando morti e feriti, stanno provocando il panico nell’intera città belga e non solo. L’allerta era già alta da settimane e quanto accaduto oggi l’ha fatta alzare ulteriormente. Le notizie che arrivano dal Belgio sono ancora frammentarie (qui la diretta di Blogo con gli aggiornamenti in tempo reale), come accade sempre nelle ore successive a un attentato, e chiunque si trovi in quei luoghi o abbia qualcuno in quei luoghi si sta affannando da ore per mettersi in contatto per dare o far avere notizie e tranquillizzare amici e parenti.

La diretta conseguenza di questo panico diffuso è che le linee sono congestionate e in molti casi non si riesce a effettuare chiamate. Proprio per questo motivo le autorità stanno invitando i cittadini a non effettuare telefonate e a contattare i propri cari attraverso i social network.

É il vice primo ministro del Belgio, Alexander De Croo, a chiedere a tutti i cittadini di affidarsi a Facebook, WhatsApp e Twitter o qualunque altro strumento che si affida alle connessione dati. Evitare le chiamate, questa è la priorità del momento.

(in aggiornamento)

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
0 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO