Adobe: Typekit, Photoshop Touch e Creative Cloud durante il MAX 2011

Adobe MAXAdobe ha tenuto ieri, attorno alle 18:30 (per il fuso orario italiano), il primo dei due interventi più attesi del MAX 2011 di Los Angeles. Kevin Lynch, responsabile delle tecnologie, ha presentato Creative Cloud: il nuovo prodotto di Adobe per l'editoria digitale sul cloud computing. È stato subito annunciato l'acquisto di Typekit.

Dopo una breve panoramica sui contenuti del proprio intervento, Lynch ha chiamato sul palco Jeffrey Veen che ha esposto i dettagli della partnership con Adobe per Typekit. La piattaforma serve circa tre miliardi di font per il web ai clienti: in occasione dell'acquisto è stata predisposta una nuova interfaccia, disponibile a breve.

Congedato Veen, è partito un video registrato nella redazione statunitense di Vanity Fair. Hamish Robertson è intervenuto a descrivere l'entusiasmo della testata per gli strumenti di pubblicazione predisposti da Adobe: l'escamotage è servito ad annunciare la Single Edition di Digital Publishing, la suite dedicata ai professionisti.

Adobe MAX 2011
Adobe MAX 2011
Adobe MAX 2011
Adobe MAX 2011

Tutto l'intervento di Lynch è stato supportato dall'utilizzo dei dispositivi portatili di Apple. Oggi, in coincidenza con l'evento dedicato ad iPhone 4S, si terrà la presentazione dei prodotti per il grande pubblico: appare evidente l'intenzione di “ricordare” ad Apple l'importanza di Adobe sul mercato, incluso Flash Player per iOS.

La seconda parte dell'intervento di Lynch ha riguardato la community attorno alla quale è stata concepita Creative Cloud. Un'interfaccia in HTML5 propone la navigazione attraverso i contenuti caricati: ad esempio, si possono estrarre i font per il web di Typekit, selezionare i livelli creati da Photoshop, condividere le fotografie.

Creative Cloud può aprire qualunque tipo di sorgente realizzato coi prodotti di Adobe, visualizzarne le informazioni (inclusi i dati EXIF o XMP) ed estrapolarle per l'utilizzo in ambiti diversi. Sopratutto le applicazioni concepite per la «generazione touch»: sei programmi per tablet e smartphone, che convergono su Photoshop Touch.

Adobe MAX 2011
Adobe MAX 2011
Adobe MAX 2011
Adobe MAX 2011

Ideas è un'applicazione dedicata alle illustrazioni vettoriali, mentre Carousel propone filtri in stile-Instagram per la correzione delle fotografie. Kuler genera delle palette, sfruttabili da tutti i programmi di Adobe, coi colori selezionati. È stata definita «un social network attorno ai colori», ma è poco più di un color picker.

A dimostrare Collage è intervenuto Mark Magner, direttore del design di Sesame Workshop: l'azienda dietro alla creazione dei Muppets. Le funzioni rispettano la definizione di collage. Proto è un'applicazione per disegnare degli “schizzi” delle interfacce dei siti web e, infine, Debut serve a realizzare delle presentazioni grafiche.

Il prodotto di punta è Photoshop Touch, presentato con l'aiuto del fotografo Chase Jarvis. Offre un'interfaccia concepita espressamente per i tablet: Adobe è in contatto con Samsung per un dispositivo che include una penna, al pari delle tavolette grafiche tradizionali. Può usufruire della webcam a integrare i livelli dei progetti.

Adobe MAX 2011

Adobe MAX 2011
Adobe MAX 2011
Adobe MAX 2011
Adobe MAX 2011

Via | MAX Online

  • shares
  • +1
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: