Google accusato di evasione in Italia: il Fisco chiede 300 milioni di euro

La Guardia di Finanza di Milano si appresta a chiudere una verifica fiscale nei confronti di Google, il colosso di Mountain View al centro di un’inchiesta della Procura di Milano per frode fiscale. I militari avrebbero ipotizzato un’evasione fiscale di circa 300 milioni di euro tra il 2008 e il 2013.

O meglio, il colosso della ricerca online avrebbe evaso in Italia circa 800 milioni di euro facendo risultare l’Irlanda, e non il nostro Paese, come sede fiscale della società nel periodo preso in analisi dall’inchiesta. Ma la cifra contenuta nel verbale che le autorità italiane stanno notificando in queste ore a Google è di 300 milioni di euro, che è la somma che la Procura di Milano e la Guardia di Finanza hanno chiesto al colosso del web di versare.

Dal canto suo l’azienda ha già replicato:

Google rispetta le normative fiscali in tutti i Paesi in cui opera. Continuiamo a lavorare con le autorità competenti.

A questo punto Google - come accaduto con Apple, che ha deciso di accordarsi col Fisco e pagare 318 milioni di euro - potrà scegliere di chiudere il contenzioso con l’agenzia delle Entrare versando una cifra tra i 220 e i 270 milioni di euro oppure di contestare la richiesta e andare avanti, col rischio però che che la cifra diventi sensibilmente più alta.

google plus



Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO